fonte parlamento europeo

Criptovalute: oltre l’euforia, quali sono gli orizzonti?

Giovanni Basile 12/12/2023
Updated 2023/12/12 at 10:14 AM
4 Minuti per la lettura
Background of various cryptocurrencies on textured background and view from above

Nel corso dell’ultimo decennio, le criptovalute hanno catturato l’immaginario collettivo promettendo una rivoluzione finanziaria senza precedenti. Tra Bitcoin, Dogecoin e NFT, la promessa dell’investimento e del guadagno sembrava aver spalancato le porte a migliaia di persone – molti ingenui – verso un mistico tesoro come nel manga “One Piece”. Tuttavia, dopo gli anni di euforia e di record infranti, il mercato delle criptovalute sembra aver raggiunto una fase di maturazione, o per alcuni, di stallo. 

Dall’Hype alla normalizzazione

L’hype attorno alle criptovalute ha raggiunto il suo apice tra il 2017 e il 2018, quando il Bitcoin ha sfiorato valori astronomici. Da allora, il mercato ha visto fluttuazioni significative, con periodi di crescita alternati a brusche cadute, spesso influenzate da fattori esterni come regolamentazioni governative, come la messa al bando della Cina, l’interesse di investitori istituzionali e la percezione pubblica.

Oggi, il panorama delle criptovalute appare più sedimentato. L’interesse da parte dei media e del grande pubblico si è stabilizzato, e le criptovalute sono ormai considerate da molti un asset di investimento più che una moneta alternativa per le transazioni quotidiane.

Le criptovalute hanno promesso una rivoluzione

Le criptovalute hanno promesso una rivoluzione in diversi settori. Nel mondo finanziario, hanno introdotto concetti innovativi come la blockchain e i contratti intelligenti (smart contracts), aprendo la strada a nuove forme di finanziamento come le Initial Coin Offerings (ICO) e i token non fungibili (NFT).

Tuttavia, l’impatto non è stato esclusivamente positivo. La volatilità delle criptovalute ha causato perdite significative a investitori non esperti attirati dalla promessa di guadagni facili. Inoltre, la loro natura decentralizzata e relativamente anonima ha facilitato attività illecite come il riciclaggio di denaro e il finanziamento al terrorismo.

Vincitori e speculatori

Chi ha guadagnato realmente da questo fenomeno? Certamente i primi investitori, coloro che hanno creduto nelle criptovalute quando erano ancora un concetto emergente, hanno visto i loro portafogli crescere in modo esponenziale. Soprattutto i grandi gruppi azionari che hanno esperienza in borsa come la BlackRock, JPMorgan Chase.

D’altra parte, vi è stata una notevole speculazione. Il mercato delle criptovalute è stato caratterizzato da una grande quantità speculatori e truffatori che attuano lo schema Ponzi, pratiche in cui gli investitori gonfiano il prezzo di una valuta per poi venderla a un prezzo più alto a scapito degli investitori successivi.

Negli USA La commissione Federale per la vigilanza della borsa, la SEC smaschera la BKCoin per frode di 100 milioni di dollari rubati con uno schema Ponzi.

Il futuro delle criptovalute

Nonostante il calo dell’hype, le criptovalute hanno promesso una rivoluzione in un settori in evoluzione. La ricerca continua e l’innovazione nel campo della blockchain potrebbe portare a nuovi sviluppi e applicazioni. Allo stesso tempo, la crescente attenzione dei regolatori potrebbe portare a un ambiente più sicuro e stabile per gli investitori. Entro la fine del 2024 entrerà in atto “MICA” il regolamento Europeo per le criptovalute che punta a garanzie e tutele per gli investitori.

In conclusione, le criptovalute hanno attraversato diverse fasi: da oggetto di curiosità di molti curiosi, oggetto anche di truffe, fino alla loro attuale fase di integrazione e normalizzazione. Resta da vedere se il futuro porterà un nuovo capitolo di crescita o se assisteremo a un ulteriore consolidamento del settore. Si spera un futuro riservato per gli addetti al settore e lontano dai ingenui che cercano fortuna e spesso finiscono truffati.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *