Le ali di Marcelo Burlon sulla maglia del Napoli

81
informareonline-burlon-napoli
Pubblicità
Debutterà stasera nell’incontro casalingo Napoli – Inter, la maglia creata dallo stilista Marcelo Burlon

Originario della Patagonia e grande tifoso di Maradona, Marcelo Burlon ha ideato per il Napoli una linea limited edition che richiama le sue origini. Spiccano sulle spalle dei giocatori le ali di un uccello esotico, una Fenice o anche un Uccello del Paradiso, tratto distintivo della sua creatività come stilista. Solo 1000 pezzi che in breve tempo hanno registrato vendite da sold out nonostante il prezzo.

Nono esattamente i colori o lo stile a cui i tifosi del Napoli sono abituati: un blu scuro che sembra nero, così come nero è diventata la N del Napoli. Non è piaciuta subito, molte le critiche di chi con nostalgia ripensa al ciucciariello che ci ha sempre accompagnato. Un cambio di passo che porta la squadra in una dimensione futuristica. E’ vero anche che le novità sono difficili da affrontare, ma è una storia che accomuna tutte le tifoserie: anche chi ha visto scomparire le proprie strisce bicolore dalle livree non ha subito digerito il cambiamento.

Pubblicità

Trasmettere la cultura, la tradizione e tutta l’internazionalità di Napoli e del suo team calcistico

Queste le intenzioni di Burlon che ha accolto la sfida trasformandola, a suo dire, in un atto d’amore verso la squadra e la sua storia. Ma soprattutto nei confronti della città e dei suoi tifosi.

Stasera il debutto contro l’Inter

Stasera i giocatori del Napoli scenderanno in campo con la nuova maglia in un match che deve confermare il cambio di passo del cammino azzurro in campionato. Lasciando da parte la scaramanzia che, ad onor del vero, non è stata del tutto efficace ultimamente, le ali della Fenice potrebbero davvero rappresentare la rinascita di una squadra che dalle proprie ceneri si invola a nuova gloria. Altrimenti, anche la maglia di Burlon, ringraziandolo per il pensiero, verrà ricordata come l’ennesimo tentativo di cambiare il colore al Napoli.

di Alessandra Criscuolo

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità