informareonline-lavoro-le-nuove-frontiere-delle-normative

Lavoro: le nuove frontiere delle normative

Valeria Marchese 20/05/2022
Updated 2022/05/20 at 5:15 PM
2 Minuti per la lettura

Lavoro fra diritti e doveri: verso una nuova prospettiva” è il titolo della giornata di studi organizzata da Rosa Praticò, con l’aps Officina delle idee, associazione che persegue il fine della solidarietà con particolare riferimento al mondo giovanile.

Praticò è anche vice presidente di maipiuviolenzainfinita e responsabile delle donne che fanno impresa di Confesercenti Napoli e provincia, Avellino e Benevento. L’evento si svolgerà venerdì 20 maggio dalle 17.00 alle 22,30 a Villa Domi nel capoluogo campano.

Una giornata di studi che si propone come obiettivo il confronto tra le esperienze dei vari settori nel mondo del lavoro dinnanzi a tematiche complesse. Si discute di azioni concrete per ridurre il divario di genere, in applicazione del principio normativamente sancito delle Pari Opportunità e di azioni costruttive.

In una società che cambia diventa fondamentale riconoscere anche quelle che sono le nuove frontiere del lavoro e modificare la normativa a riguardo.

Tra i partecipanti al dibattito individuiamo esponenti di diversi settori lavorativi. Le testimonianze saranno a cura di Carmela Cucca dirigente MISE, Laura Sora, dirigente MEF, Raffaella Pergamo CREA – componente CUG, Enrichetta Barbati, dirigente Area Consiglio Comunale, Maria Neve Mazzocchi – Area Personale – Pubblica Amministrazione, Virginia Ciaravolo, psicoterapeuta-criminologa, Patricia Mayorga presidente AMMPE world.

Il dibattito sarà incentrato su temi di attualità quali introduzione dell’organismo paritetico dell’innovazione, transizione di genere, lavoro da remoto. Per sottolineare l’importanza dei giovani all’interno delle azioni promosse dall’associazione, vediamo i giovani studenti dell’istituto Archimede in veste di host per accogliere gli ospiti, all’interno di un dibattito per sensibilizzare e informare.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *