L’ammor’ è na cosa c’addora di rosa

Redazione Informare 21/11/2021
Updated 2021/11/21 at 7:18 PM
4 Minuti per la lettura

I Sefarditi e i Napoletani (e prima ancora i Greci): LA ROSA ENFLORENCE (LA ROSA FIORISCE in italiano, ‘A ROSA SCHIURE in napoletano)

Eduardo, il grande Eduardo, Eduardo e basta senza indicare il cognome che tanto non serve, per chiamarsi bastano i nomi, Eduardo dicevo, scrisse una poesia che iniziava così:

“L’ammor’ è na cosa
c’addora di rosa…
ca rosa nunn’è
nduvina ched’è?”
a questa affermazione aggiungeva netta una domanda “(L’ammor) … nduvina ched’è?”

L’odore della rosa, non tanto il fiore in sè, riporta all’amore. L’odore della rosa è insicuro malfermo, è sempre tra l’acido ed il ristoro, quando l’hai capito poi non hai capito più niente.

Di questo passo nella “storia dell’amore raccontato” tanto si è usata la rosa nella descrizione di questo sentimento.

LA ROSA ENFLORECE è un’antica canzone sefardita, scritta in ladino. Il ladino o sefardì, da non confondere con quello che si parla in Trentino, è il giudeo-spagnolo, detto anche judezmo o giudesmo, la lingua parlata dai discendenti degli ebrei espulsi dalla Spagna e Portogallo nel 1492. I Sefarditi, che si sono distinti dall’altra corrente degli Aschenaziti.
L’editto dei re cattolici segnò la fine della grandissima cultura che si era sviluppata nella Spagna araba durante il XIII e XIV secolo grazie alla collaborazione di musicisti, filosofi, poeti, letterati ebrei e arabi, in un clima che si distingueva per la diversità, la tolleranza e che fu foriero di uno straordinario progresso artistico e scientifico.
Dopo la Reconquista Cattolica nel 1492 e l’espulsione degli arabi e degli ebrei, le tradizioni musicali che si erano sviluppate nel sud della Spagna e prevalentemente in Andalusia, furono portate dagli emigrati nel nord Africa e nel bacino del Mediterraneo e fanno parte di un bagaglio culturale ancora vivo.

La ROSA ENFLORECE ha un testo magnifico per l’anima di un popolo che è costretto a fuggire:
“A maggio sbocciano le rose
La mia anima si rattrista,
Soffrendo per amore
Soffrendo per amore,
Gli usignoli cantano, un sospiro d’amore
E la passione mi distrugge,
il mio dolore aumenta
Il mio dolore aumenta
Fai in fretta mia colomba,
Vieni subito da me
Subito, mia anima, che mi sento morire
Mi sento morire
A maggio sbocciano le rose
La mia anima si rattrista,
Soffrendo per amore
Soffrendo per amore”

A cui non può fare demerito una traduzione in lingua napoletana, la lingua del popolo che viaggia per il mondo non spostandosi di un centimetro. Quel centimetro che sta tra la Grecia ed il Maschio Angioino.

“‘E rose schiurano ‘o mese ‘e maggio
L’anema mije s’accupisce ‘o mese maggio
Suffrenn’ammore tuoje
Patenn’ammore che nun se trova cchiù
L’aucielle cantane, e Io suspiro ammore che nun veco
A Passione m’accire
‘O dolore è p’ammore tuoje
‘O dolore è p’ammore che nun sente
Faje a’mbressa Palomma mia
Viene cca a me
Subbito, anema mia, che me sente murire
‘E rose schiurano ‘o mese ‘e maggio
L’anema mije s’accupisce ‘o mese maggio
Suffrenn’ammore tuoje
Patenn’ammore che nun se trova cchiù”

A volte le lingue parlano ed i sefarditi ed i napoletani non stanno mai zitti, ed anche i greci da duemilacinquecento anni.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *