La solidarietà non si ferma: ANT sostiene l’assistenza domiciliare gratuita ai malati di tumore

11
Informareonline-Ant-min
Pubblicità

Quest’anno più che mai Fondazione ANT celebra la Pasqua nel segno della solidarietà, con il pensiero sempre rivolto alle persone più bisognose di cure.

A Pasqua è possibile sostenere il lavoro delle équipe sanitarie ANT scegliendo una delle tante proposte disponibili: uova di cioccolato al latte o fondenti, tradizionali colombe, ceste enogastronomiche di altissima qualità e tanto altro ancora.

I Regali di Pasqua ANT saranno disponibili con consegna a domicilio inclusa nell’offerta e si potranno ordinare sul sito ant.it nell’apposita sezione https://ant.it/regali-solidali-pasqua oppure telefonicamente nelle sedi ANT.

Pubblicità

Ove possibile – a seconda dei colori delle diverse regioni – i prodotti di Pasqua ANT saranno anche disponibili presso i Charity Point o alle postazioni dei volontari nelle piazze.

Infine, vista l’impossibilità per molti di spostarsi tra regione e regione, sarà possibile ordinare i doni solidali e farli recapitare ai propri cari che vivono in altre zone ove ANT è presente: sarà un’occasione per stare insieme, anche se lontani, e celebrare le Feste nel segno della solidarietà.
Il sostegno dei donatori privati e delle aziende è stato ed è tuttora assolutamente indispensabile per continuare a offrire protezione a migliaia di persone fragili che la malattia tumorale rende ancora più vulnerabili di fronte alla minaccia del Covid-19. Nel corso di quest’ultimo anno così complicato, infatti, medici, infermieri e psicologi ANT hanno sempre garantito continuità all’assistenza specialistica domiciliare che portano ogni giorno – gratuitamente e in sicurezza – nelle case di oltre 3.000 persone in oltre 30 province italiane da Nord a Sud.
ANT ha affrontato gli sconvolgimenti di questo ultimo anno con passione e determinazione grazie a solidi valori di base e a un’organizzazione fortemente strutturata – racconta Raffaella Pannuti, presidente di Fondazione ANT – La nostra priorità è poter continuare a garantire un servizio indispensabile per tantissimi cittadini. A prescindere dall’epidemia, infatti, l’assistenza a domicilio per i pazienti cronici e degli anziani fragili è emersa chiaramente come una formula vincente in termini di protezione del paziente, sostenibilità economica e gradimento da parte delle famiglie. Faccio mie le parole di mio padre, il prof. Franco Pannuti che diede il via all’avventura di ANT: “L’Uomo c’è, la solidarietà c’è. L’amore e la fiducia non muoiono”. Non lasciateci soli!
Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità