Informareonline-Il muro della gentilezza

La solidarietà attraverso “Il Muro della gentilezza”

Clara Gesmundo 27/01/2020
Updated 2020/01/27 at 11:58 AM
2 Minuti per la lettura

Le persone non sempre agiscono come ci aspettiamo. L’essere umano vorrebbe essere compreso, sostenuto e trattato in un certo modo, magari con gentilezza, un “sentimento” poco diffuso al giorno d’oggi.

Spesso però rimaniamo sorpresi nel vedere come alcune persone, attraverso originali iniziative, tengono a riportare nella società odierna quel pizzico di volontà che ci spinge ad aiutare gli altri. Da questo sentimento di generosità e solidarietà, nasce il cosiddetto “Muro della gentilezza”.
L’idea nacque nel 2015 in Iran sotto il nome di “Wall of Kidness” e ad oggi, è diffusa anche in Italia. Quest’iniziativa consiste nel convertire un muro della città in un vero e proprio appendiabiti, sul quale le persone potranno poggiare vestiti e scarpe da donare ai bisognosi.

“Se non ti serve, lascialo. Se ne hai bisogno, prendilo”, questo è il concetto e il principio su cui ci si basa e che ha avuto successo in Campania (Cerreto Sannita, Benevento) dove, “grazie all’iniziativa della Caritas e della Diocesi guidata dal vescovo Don Mimmo Battaglia, è nato il “Muro della Gentilezza”.
In Emilia-Romagna all’esterno di un asilo nido sono state affisse delle cassette di plastica, che fungono da recipienti per contenere giocattoli, libri, vestiti e molto altro per chi ne ha bisogno. Anche a Milano ritroviamo questa manifestazione solidale;

Facendo un salto nel passato è possibile notare come fino ad oggi, i muri istituiti abbiano sempre rappresentato una divisione sociale. Basti pensare al Muro di Berlino o anche alla Grande Muraglia Cinese.
Quest’iniziativa invece, promuove e diviene simbolo d’unione tra persone che abbattono gli stereotipi del “ceto sociale”. Cittadini volenterosi che, silenziosamente, fanno del bene a chi questo sentimento l’ha dimenticato.

Le occasioni per fare beneficenza sono molteplici e si spera che questa diventerà ben presto dimostrazione e simbolo di una generazione che non si tira indietro quando si tratta di aiutare il prossimo.

di Clara Gesmundo

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *