Straordinaria partecipazione di turisti e residenti per la “Settembrata Anacaprese 2019”, che il Comune di Anacapri promuove dal 29 agosto: percorsi enogastronomici, visite guidate presso i siti di rilevanza storica e culturale dell’isola, convegni, mostre fotografiche e di pittura, esposizione di costumi d’epoca e attività ludiche. L’evento offre al territorio i concerti di Sal Da Vinci, dei Kaos, Nightout, Utopia, Break Free, oltre a spettacoli come il musical “I ragazzi di Nisida” e l’animazione di “Spaccapaese”, lo show di Paolo Caiazzo, e infine quello di Biagio Izzo, che saluterà l’estate e chiuderà la manifestazione domenica 29 settembre 2019 alle ore 21:30 in Piazza San Nicola ad Anacapri, ovvero Capri di sopra, come l’avevano soprannominata i greci.

Quando nasce la Settembrata Anacaprese

La “Settembrata Anacaprese 2019 – Tra Gusto, Tradizione e Arte” è nata nel lontano 1923, quando un gruppo di artisti, che sceglieva Anacapri come luogo di riposante villeggiatura, volle tributare alllo splendido borgo un omaggio a testimonianza di un amore semplice e riconoscente per l’antica e cortese ospitalità. Oggi è un’importante manifestazione, un appuntamento annuale con le tradizioni popolari, folkloristiche ed enogastronomiche di Anacapri, dove le sue antiche tradizioni rivivono negli angoli più suggestivi del territorio.

La nuova edizione della Settembrata

L’edizione di quest’anno è stata cofinanziata dalla Regione Campania, “POC Campania 2014-2020 per la rigenerazione urbana, politiche per il turismo e la cultura. Programma regionale di eventi e iniziative promozionali”, un progetto culturale che è stato riconosciuto di rilevanza nazionale e internazionale, perchè la manifestazione assume un ruolo fondamentale sul territorio, inserendosi nei grandi eventi della regione Campania, nata con l’intento di motivare i turisti a prolungare il loro soggiorno sull’isola nel mese di settembre e invogliare i tanti a raggiungere l’isola per le molteplici iniziative culturali e artistiche previste, e quindi per la presenza di personalità e artisti sia del territorio che di fama nazionale.

di Carmelina D’aniello

Print Friendly, PDF & Email