La Regione Campania finanzia la riqualificazione del Sistema Reggia Piazza Carlo III

CASERTA. Nella giornata di ieri il Sindaco Carlo Marino ha annunciato che sono ben 7 i progetti del Comune di Caserta ammessi ai finanziamenti della Regione Campania per la progettazione di opere e infrastrutture – Fondo di Rotazione, finanziato a valere sulle risorse del POC Campania 2014/2020. In particolare, l’Amministrazione Comunale ha ottenuto fondi per circa 4 milioni di euro per la progettazione di una serie di importanti opere previste in città in diversi ambiti : tra questi il Sistema Reggia Piazza Carlo III, con i progetti di riqualificazione urbana.

L’ amministrazione Carlo Marino apre definitivamente le porte alla realizzazione del progetto proposto dalla Associazione ” Canapa Sativa” di Caserta per la riqualificazione di Piazza Carlo III e dell’ex Canapificio , attualmente occupato dagli immigrati, che, ben presto dovrebbero delocalizzati a San Nicola La Strada area Galoppatoio – ex Casermette, al fine di consentire un recupero della struttura e delle connesse attivita’ economiche legate alla produzione della canapa.

Un lavoro lungo e certosino, dunque, che ha portato ieri dall ‘accordo istituzionale voluto da Carlo Marino all’approvazione del finanziamento per questa importante svolta urbanistica, economica e sociale della citta’ di Caserta

” Si tratta – ha detto il Sindaco Carlo Marino – di un progetto di assoluta priorita’ anche perche’ i benefici che ne dovessero derivare ricadrebbero non solo sul territorio cittadino ma anche su tutto il Sistema della Citta’ Continua , intesa sul tracciato storico della via Appia”.

La riqualificazione di Piazza Carlo III finalizzata a promuovere anche il ritorno ad una coltura della canapa orientata ad un mercato in continuo sviluppo ha avuto come suo nucleo originario la costituzione da parte del Comune di Caserta di una Cabina di Regia – Patto con la Citta’ di Caserta per la definizione degli assetti progettuali da dare al Complesso Piazza Carlo III – Reggia di Caserta.

Questi i componenti della Cabina di Regia : Comune di Caserta – Demanio – RFI – RFI Sistemi Urbani – Soprintendenza per i Beni AA.SS- Comune di Casagiove- Ministero della Difesa- Ministero dei Beni Culturali – Regione Campania – Provincia di Caserta -Universita’ di Caserta- Reggia di Caserta.

” Il Sindaco Carlo Marino ha accolto con entusiasmo la nostra proposta di una cabina di regia – spiega l’Agronomo Domenico Bovienzo vera e propria anima di Canapa Sativa – . I lavori della Cabina di Regia hanno consentito di semplificare e di velocizzare lo scambio di informazioni finalizzate alla condivisione della strategia unica da perseguire per la valorizzazione delle aree stesse”.

” I finanziamenti regionali – continua Domenico Bovienzo – consentono non solo di salvaguardare e di valorizzare il canapificio di Piazza Carlo III nel senso gia’ attivato in sede dei lavori della cabina di regia , ma anche di potere individuare volumi destinati alla formazione dei giovani ed aree che possano essere destinate alla coltivazione della canapa”.

In questo contesto si inserisce la proposta di legge regionale presentata da Gennaro Oliviero Presidente PD Commissione Ambiente, in Consiglio Regionale della Campania , che mira a sviluppare, su base territoriale, filiere di canapa produttive integrate, di imprese singole o associate, svincolate dall’autorizzazione per la coltivazione, fatti salvi gli opportuni controlli, con l’obiettivo precipuo della valorizzazione del patrimonio paesaggistico e culturale, al fine di un deciso rilancio economico di questo nostro settore produttivo, radicato nella nostra storia.

Quali saranno i successivi passi di questa autentica rivoluzione ?

Innanzi tutto la delocalizzazione degli immigrati dei Centri Sociali che dovrebbero essere trasferiti a San Nicola La Strada area ex Galoppatoio. Il tutto pero’ alla luce della approvazione del Progetto del Puc che la nuova amministrazione comunale si accinge ad elaborare.

” Ci si augura – conclude Domenico Bovienzo – che tutto cio’ possa rendere piu’ efficace ed efficiente l’azione politico- amministrativa di ciascuno dei soggetti coinvolti in questa iniziativa e che questo possa tradursi nell’ottimizzare il servizio alla collettivita'”.

Nella foto ex Canapificio allocato nei pressi della Reggia di Caserta