esondazione Volturno

La piena del Volturno fa scattare lo stato di emergenza

Redazione Informare 21/01/2023
Updated 2023/01/21 at 1:58 PM
6 Minuti per la lettura

Cancello e Arnone, Grazzanise. Questi sono i comuni che si preparano a chiedere lo stato di emergenza dopo le esondazioni del Volturno registrate in queste ore. Il comune di Capua, invece, ha già adottato questo provvedimento.

Una situazione che rischia di aggravarsi con le piogge che si stanno abbattendo sui comuni della provincia di Caserta in queste ore. Non ultimo, il comune di Castel Volturno, alle prese con i danni provocati nei giorni scorsi dal maltempo, dove ora i suoi cittadini sono spaventati ma soprattutto preoccupati per la loro incolumità. Ma andiamo a capire comune per comune quale situazioni si registra ad oggi.

Destra Volturno continua a preoccupare: danni ai cittadini

A Castel Volturno i danni sono stati registrate in zona Destra Volturno. Oltre ai numerosi alberi franati, occorre evidenziare le pessime condizioni, in cui i cittadini di Destra Volturno sono costretti a vivere. Difatti questa frazione di città è stata colpita in modo durissimo, numerose abitazioni sono inaccessibili e alcuni viali risultano impraticabili. Senza considerare le condizioni del manto stradale, che complice la grande quantità di acqua piovana, in alcuni punti non ha retto. Provocando numerosi dissesti alla viabilità e di conseguenza danni diretti ai cittadini. 

Molti sono stati accompagnati presso familiari o amici non potendo uscire di casa. Il Sindaco di Castel Volturno, Luigi Petrella, ha così riportato il quadro della situazione: “Siamo stati allertati dal Consorzio di Bonifica sulla piena che ci sarebbe stata alle prime luci dell’alba. Siamo riusciti a gestire le criticità con la polizia municipale e la protezione civile comunale. Allagamenti in viale Adige e via Tagliamento, dove i residenti si sono trovati a fronteggiare mezzo metro d’acqua. Nei pressi della foce non ci sono stati problemi con gli argini che hanno retto bene. La situazione ora sta rientrando anche se con la pioggia delle ultime ore continueremo a monitorarla“, fa sapere il primo cittadino castellano.  

Capua allagata: situazioni monitorata costantemente

Capua è monitorata costantemente poiché continua ad essere un comune in piena emergenza. Dal comune, chiesto supporto alla Protezione civile regionale attraverso l’invio di Nuclei di Protezione civile dei comuni limitrofi, dotati di idrovore al fine di pompare via l’acqua da scantinati e locali bassi. Le zone maggiormente colpite sono quelle di via Marra, via Porta Roma, località La Monaca, via Martiri di Nassiriya, via Santa Maria La Fossa. Ancora nessuna evacuazione, ma si sta fornendo assistenza ai nuclei familiari rimasti isolati grazie al supporto dei mezzi di Croce Rossa e Protezione civile.

Il livello del fiume si sta abbassando, ma rimangono gli allagamenti perché i terreni circostanti sono impregnati d’acqua e quindi non sono in grado di assorbirne altra. Purtroppo le previsioni per domani continuano a non migliorare, attenzione e preoccupazione quindi per le prossime ore. Il Ponte romano è regolarmente aperto, ma si invitano i cittadini a non uscire di casa se non per motivi assolutamente necessari.

Grazzanise: livelli del fiume tornano sicuri, ma attenzione al maltempo

A Grazzanise si registra la rottura dell’argine della sponda sinistra del Volturno. Una falla di circa 20 metri che ha provocato allagamenti a Grazzanise dall’altezza della rotonda dell’Aeroporto fino al confine con altri comuni, da Cancello ed Arnone fino a Castel Volturno. Si tratta di una piena tra le più importanti degli ultimi 40 anni, ha dichiarato il sindaco Enrico Petrella. Allagamenti ci sono anche nell’area di Brezza e la viabilità risulta completamente compromessa.

Ed ora i danni sembrano essere, almeno dalle prime stime, ingenti. “Già in serata porteremo in giunta la delibera per chiedere lo stato di calamità“, ha dichiarato il sindaco di Grazzanise Petrella. La situazione a Cancello ed Arnone, dopo che il fiume ha rotto l’argine in un punto, dopo questi giorni di maltempo, risulta complicata ma fortunatamente sembra che il peggio sia passato. Durante la notte sono state monitorati i livelli del fiume e con particolare attenzione le zone più vulnerabili e ai livelli. 

Calcello e Arnone chiede stato di calamità al Governo

Due nuclei familiari hanno pensato bene di essere evacuati dalle loro abitazioni. Si trovano in una struttura alberghiera dove tuttora si trovano. Il Comune di Cancello e Arnone si è adoperato subito per dare ospitalità alle famiglie in caso di ulteriori problemi. Attivato un numero di telefono – 353.3123409 – a cui rivolgersi per ogni tipo di emergenza.

Migliorano anche le condizioni della viabilità, ma ci sono ancora alcune famiglie che hanno bisogno di soccorso perché non hanno abbandonato le abitazioni. Si registrano anche aziende agricole con terreni allagati. Già oggi la giunta comunale chiederà lo stato di calamità al governo nazionale e a quello regionale, affinché chi ha subito danni potrà essere risarcito.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *