La mostra “Architettura dell’Arcobaleno #1” al MAC3 di Caserta

121
Informareonline-mostra
Pubblicità
“Uno dei grandi compiti dell’arte è quello di essere una funzione sociale”

Abbiamo visitato la mostra e, anche se i luoghi necessitano di una riorganizzazione e ristrutturazione (ordinaria e straordinaria), la cura e la passione dell’organizzazione dell’evento ti coinvolge.

Molte le opere esposte, alcune davvero emozionanti. Siamo stati accompagnati da uno dei curatori della mostra, Massimo Sgroi, al quale abbiamo strappato alcune dichiarazioni:
«Uno dei grandi compiti dell’arte è quello di essere una funzione sociale; è quella visione della bellezza che restituisce all’essere umano l’illusione, come sosteneva Fedor Dostoevskji, di poter cambiare il mondo. E, proprio nel momento in cui l’essere umano stesso muta la sua percezione del reale, sepolto sotto un eccesso mediatico di immagini, il ruolo dell’artista può essere ancora più dirompente».

Pubblicità
Questa è la premessa che ha portato a realizzare l’idea dell’operazione artistica dell’Architettura dell’Arcobaleno; nata in pieno lockdown a causa della pandemia da covid-19 con l’allentarsi delle restrizioni diventa una serie di quattro mostre che rappresentano uno spaccato rappresentativo di quella che è, oggi, la funzione estetica dell’arte visuale in Campania. Curate da Veronica Cimmino, Massimo Sgroi, Luca Palermo e Marco Izzolino, quattro eventi ognuno con la partecipazione di venticinque artisti diventano un lavoro collettivo per riflettere non solo sullo stato dell’arte visuale su un territorio che, già di per sé, modifica la percezione stessa degli artisti ma, anche sulla funzione che l’arte e la cultura in generale assolvono nel mondo del terzo millennio.
E, così, artisti come Nino Longobardi, Antonio Biasiucci, Lello Lopez, Sergio Fermariello per finire all’ultima generazione di street artist, dialogano fra di loro usando la porta estetica per riflettere, confrontarsi e fare sintesi sul significato ed il ruolo dell’artista. Non è casuale che l’intera operazione diventerà un libro, edito da un importante editore italiano, Castelvecchi, portando la ricerca estetica campana al di fuori del territorio per allargare la dialettica artistica al resto del paese; la scelta prevede, infatti, oltre alle opere degli artisti gli scritti di intellettuali che non necessariamente appartengono direttamente al mondo dell’arte; dal filosofo Lucio Saviani, ai sociologi Augusto Ferraiuolo e Gabriele Montagano, all’ex presidente della Fondazione Donnaregina, il giurista Pierpaolo Forte, gli storici dell’arte Annamaria Romano ed Alfredo Fontanella, lo storico Gianni Cerchia ed, ovviamente, i quattro curatori.

«Ciò che mi rende orgogliosa – afferma l’Assessore alla Cultura, Lucia Monaco – è il fatto che questa sia una nostra produzione; l’abbiamo pensata, voluta e realizzata insieme allo staff dell’Assessorato alla Cultura. Fondamentalmente questo rientra in una funzione politico-amministrativa che non si limita a recepire le istanze esterne dei diversi operatori del settore, ma che è capace di pensare e realizzare delle iniziative di carattere nazionale ed internazionale. Questo lavoro, oltre alla sua intrinseca natura culturale artistica, serve anche a far conoscere sia il Museo di Arte Contemporanea della Città di Caserta sia l’enorme ricchezza artistica che ha la nostra regione ha».

Sulla stessa linea l’idea del sindaco della città di Caserta, Carlo Marino: «Ho sempre pensato che la Cultura sia uno straordinario veicolo per comunicare la Bellezza di un territorio.
Questa operazione, insieme all’altro progetto che prevede la creazione del sito del museo ed il catalogo generale delle opere in collezione, restituisce alla città, e al territorio campano, la sua straordinaria attitudine nel creare e rendere visibile l’arte.
Noi non ragioniamo da periferia dell’impero, rivendichiamo, piuttosto, la capacità di essere dialettici in un dibattito, quello culturale, che è parte integrante della nostra storia di Nazione».

di La Redazione

Ph Angelo Marra

TRATTO DA MAGAZINE INFORMARE 

N° 219 – LUGLIO 2021

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità