La Milano Fashion Week ha più volti… di influencer!

14
informareonline-milano-fashion-week-3

Fashion cult: chic or kitsch?

La Milano Fashion Week ha più volti… di influencer!

Se si pensa che alla Milano Fashion Week, a dettare le leggi in fatto di moda siano stilisti e top model forse ci si sbaglia di grosso: le vere guest star sono altre… gli influencer!

Passeggiano senza passare inosservate e photoshoppate dai propri fotografi di fiducia tra le strade trafficate di Milano: i Fashion Blogger dominano la scena.                                        Audaci e sicuri di sé blogger ed influencer fanno la loro sfilata in strada, su strisce pedonali e marciapiedi, osservate e studiate dai passati e dai loro seguaci.

Beh, non servono lauree in fatto di moda… forse! Ma le influencer ci stanno dando un po’ troppo dentro: Uomini e Donne, Temptation Island ed altri programmi Tv. Basta attirare un po’ su di sé l’attenzione e via! Si diventa le nuove icone dello street-style, il must da seguire. La moda? È solo una faccenda economica, uno strumento pubblicitario, un prodotto di massa impoverito dall’avvento di Internet e dai Social.

informareonline-fashion-week+

Ma torniamo alla MFW S/S 2019: è una faccenda a tratti triste quella dei social…

Come ogni Fashion Week che si rispetti, non possono mancare mai must have, colori e accessori da sfoggiare per le prossime stagioni. Indubbiamente femminili ed energiche sono le collezioni firmate da stilisti e Maison per la primavera estate: dettagli che costituiscono i nuovi trend dello street e social style 2020.

Polo, tailleur, pantaloni a sigaretta a vita alta, creazioni strutturate rigorosamente: una femminilità sofisticata intrisa ad un pizzico di mascolinità per Prada e Max Mara: Miuccia Prada punta al confort mai banale, allo stile ricercato attraverso linee essenziali di inspirazione retrò; Max Mara, invece, propone linee un po’ più neutre, composte da tailleur con gonne a sigaretta, bermuda e gonne a tubino, giacche accompagnate da panciotto e calze lunghe al ginocchio coordinate a scarpe cap toe con tacco medio.

Non mancano look più casual con T-shirt e pantaloni con tasconi… Tra le proposte più glamour, però, non sono passate inosservate le creazioni di Annakiki, con blazer dalle maniche abbondanti e a palloncino, e di Calcaterra che invece propone oversize e il bianco brillante.

Seventies per Alberta Ferretti? Ebbene si! Completi in suede cammello si alternano a vestiti e soprabiti ruggine e cammello…il tutto è accompagnato da cappelli a tesa media e borsa bandoliere grandi intarsiate.

Lo stile vintage vince su tutto! Anche Anteprima, con le sue creazioni un po’ retrò, propone top scollatissimi abbinati a forme simmetriche e sfrangiate. Très chic! Matelassé (tradizionale trapuntato) per Fendi che propone crop – top, ampi pantaloni e giacche poggiate sulle spalle come le dive d’altri tempi.

informareonline-fendi-tropical

Come ogni calda stagione le stampe non possono mancare: colorate ed eccentriche puntano tutto sul floreal e il tropical sia nella versione micro che macro. Anche Fendi dice sì ai fiori, ma oversize con coordinati in vinile dal tocco tropicale .

Se Angel Chen propone un esotico più formale con brassière e pantaloni pitonati e cappello coordinato; Anteprima, invece, riserva un mood più etnico, insolito e multicolor. Eleganza senza tempo non poteva che rispecchiare la collezione del maestro Re Giorgio completi dall’allure sporty realizzati in tessuti morbidi e voluttuosi  come il velluto e pitoni in nuance pastello e leggere, quasi cipriate. Per la sera, invece, cascate di paillettes degradè.

Beh, che dire…le novità e i paradossi non sono mancati, soprattutto per chi ha scelto di presentare le nuove collezioni in maniera tutt’altro che tranquilla, un esempio? L’invasione rosa di Philippe Plein con la presentazione della sua Paradise Pink Capsule Collection…

Prese di potere (degli influencer) scelte chic, scelte kitsch, must have sono elementi ordinari , soprattutto in un’epoca in cui la cultura, la percezione e la comunicazione visiva ha preso il sopravvento: maggiore è l’impatto social del brand più alto sarà il suo fatturato… non ci resta che godere gli ultimi trend e tendenze preservando la propria personalità senza ridurci a subire le loro ripercussioni sul fashion system in maniera apatica.

di Nunzia Gargiulo

Print Friendly, PDF & Email