La libreria indipendente che grida “IO CI STO”

33
Informareonline-Sto
Pubblicità
In questo particolare periodo storico pochi pensano alla condizione, talvolta precaria e complessa, che stanno affrontando le librerie indipendenti. Non parliamo dei grandi colossi editoriali, ma di quelle piccole realtà che per sostenersi, soprattutto in un momento così delicato, avrebbero bisogno di un pubblico sicuramente più consistente. Oggi però, è risaputo: la tendenza è quella di rivolgersi ai siti web per acquistare uno scritto o un cd!

Quest’ultimi però sono sicuramente ben lontani da aiutare le piccole economie presenti sul territorio. Pochi utilizzano e pochi sanno, che è possibile acquistare un libro online anche sui siti di tali librerie indipendenti, ed è per questo che i collaboratori della libreria “IO CI STO” a Napoli hanno provato a spiegarci come hanno affrontato tale periodo, rispondendo alle nostre domande.

A tal proposito ci spiegano che “Io Ci Sto” è una libreria di cittadini, una formula assolutamente unica nel panorama delle librerie, in quanto è una realtà che si compone prioritariamente di soci che non fanno mai mancare sostegno in termini di tempo, impegno e acquisto di libri. Per coloro che desiderano acquistare uno scritto la loro libreria, come molte altre, ha aderito alla rete di Bookdealer. offrendo la possibilità di acquistare on line e ricevere i libri comodamente a casa.

Pubblicità
Quanta ostinazione, passione, coraggio e organizzazione ci vogliono per far fronte al temutissimo “lockdown”?
«Ci vuole tanta passione. Le librerie fortunatamente in questo secondo lockdown sono rimaste aperte sempre. Tuttavia, ci siamo inventati di tutto pur di mantenere il contatto costante con i nostri soci e clienti: presentazioni on line tutti i giorni, i consigli del libraio il giovedì, le presentazioni delle piccole case editrici il martedì, e tanti incontri di lavoro e di progettazione per il nostro futuro».
Il prossimo anno l’associazione cambierà il suo Consiglio Direttivo e si sta lavorando per cercare di creare il giusto contesto per nuovi ingressi. La particolarità di IoCiSto è di essere un’associazione che affianca alla vendita dei libri attività di diffusione della lettura nelle sue più molteplici forme: dal gioco, alla cucina, alla convivialità, al supporto verso i soggetti svantaggiati.
In questa direzione girano alcuni progetti, come quello realizzato per la Whirlpool, che prevede la donazione di libri per i figli degli operai e gruppi di lettura. O ancora quello con l’UNIVOC, che prevede la gestione di una rubrica di lettura per gli ipovedenti.

di Clara Gesmundo

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità