Quando si parla di calcio amatoriale, sono poche le squadre che riescono a suscitare interesse e a coinvolgere una massiccia presenza di tifosi nei propri stadi, regalando emozioni che si avvicinano, se non addirittura superano, quelle che ti regala il grande calcio.

Non è il caso però della FC Giugliano, che quest’anno è riuscita ad ottenere una storica promozione in Serie D, arrivando prima nel girone A nel Campionato Regionale di Eccellenza, e vincendo lo spareggio finale per 2-0 contro la Frattese allo Stadio Menti di Castellamare di Stabia.

Un’impresa eccezionale, raggiunta dopo un anno pieno di soddisfazioni e gioie, ma anche di grossi rammarichi per la squadra e per la società, su tutte la sconfitta ai rigori nella finale di Coppa Italiana Dilettanti Campania, contro l’Audax Cervinara.

Ne abbiamo discusso con Salvatore Sestile, attuale presidente della FC Giugliano, che ci ha raccontato la conclusione di quest’anno, culminato con la promozione, ma anche del futuro progetto della società per adeguarsi alla nuova categoria.

«Una promozione programmata, cercata e finalmente raggiunta – ha dichiarato il presidente della squadra – dopo l’amara sconfitta in finale di coppa, persa per un soffio, la squadra ne è uscita a pezzi e c’era il rischio di compromettere tutto quello che di buono era stato fatto durante l’anno, perdendo la prima porta che ci consentiva di accedere al Campionato Nazionale».

Il cambio di allenatore, da Antonio De Stefano a Massimo Agovino è stato cruciale nell’arrivo in Serie D.

«Siamo arrivati a questo grande risultato non solo da un punto di vista calcistico, ma anche grazie ad una città come Giugliano che meritava tutto questo, con i nostri tifosi che ci sono stati vicino tutto l’anno, seguendoci con molta passione».

Il merito di questa promozione, infatti, è legata anche ai tifosi che, accorsi in 6mila per seguire lo spareggio, hanno riempito tutto lo stadio.

«Dopo aver messo a disposizione i tagliandi per la partita, ci aspettavamo una grande affluenza dei nostri tifosi e siamo venuti a conoscenza che questa sarebbe stata una grande giornata di calcio, con una vera cornice di pubblico. Comunque sarebbe andata a finire, è sempre bello sapere che i nostri tifosi ci avrebbero sostenuto e che continueranno a sostenerci in ogni circostanza, ben venga che poi arrivano successi del genere».

Adesso, testa al futuro, perché la FC Giugliano disputerà il campionato di Serie D, e non mancheranno le accortezze necessarie a far sì che la squadra e la società siano preparate al meglio.

«Dal punto di vista societario – afferma ancora Salvatore Sestile – metteremo a punto quei tasselli che ci consentiranno di sostenere un buon mercato e di disputare al meglio un campionato importante, come quello della Lega nazionale Dilettanti».

Menzione in più per il profilo tecnico, dove il presidente della FC Giugliano ci ha anche dato suggerimenti sulla permanenza di Dino Fava, attuale capocannoniere della squadra. «Se fosse per me, riconfermerei anche tutti i magazzinieri.

È vero che l’ultima parola sta al tecnico, ma tutti gli indizi portano ad una conferma di una persona come Dino che è una persona d’immagine e con esperienza da vendere».

Sicuri di una grande stagione di successi, auguriamo alla FC Giugliano di disputare un grande campionato di Serie D, portando alla luce quelli che sono i valori del vero calcio, e continuando a far sognare i suoi tifosi.

di Andrea Antonio Grassia

TRATTO DA MAGAZINE INFORMARE N°194
GIUGNO 2019

Print Friendly, PDF & Email