La denuncia, come la memoria, è un dovere

31

Perché non si parla di Mario Borrelli?
Perché non si parla di Domenico Noviello?
Due persone che nella loro semplicità e generosità hanno segnato la lotta della resistenza alle mafie e alla povertà. Eppure sotto silenzio.

Un “prete scugnizzo” e “un altro casalese” di cui ancora si sa poco, troppo poco.
Mario Borrelli, fondatore della Casa dello Scugnizzo, esperienza di avanguardia nell’educazione di strada a Napoli negli anni Cinquanta. La sua storia, raccontata egregiamente da Morris West, merita di essere ascoltata e costringe a porsi almeno una domanda:
“Perché questo libro sugli scugnizzi di Napoli, scritto negli anni ‘50 da un grande scrittore e che tanto successo ha avuto nel mondo anche con diverse traduzioni, ha dovuto aspettare che lo scugnizzo Salvatore Di Maio ne curasse l’edizione in italiano a distanza di 60 anni dalla sua pubblicazione?”

informareonline-locandina
Domenico, detto Mimmo, Noviello, piccolo imprenditore che si è opposto al racket della camorra del clan dei Casalesi e ha pagato con la vita la sua storia di resistenza, una storia ripercorsa dal libro di Paolo Miggiano.
Se ne parlerà alla Casina Pompeiana venerdì 20 e sabato 21 con Paolo Miggiano, autore de “L’Altro Casalese” e Salvatore Di Maio, ex scugnizzo di Borrelli, curatore dell’edizione italiana di “Children of the Sun”, il docente di pedagogia della Federico II Paolo Vittoria, i giornalisti Luca Marfé de il Mattino e Marco Cutillo de il Magazine Informare.

La denuncia, come la memoria, è un dovere, ed il Magazine Informare c’è!

Print Friendly, PDF & Email