“La Dama di Picche” al Teatro San Carlo

17
informareonline-la-dama-di-picche

“O ho fatto uno sbaglio spaventoso, o l’opera è un capolavoro”: così scriveva il compositore all’autore del libretto, il fratello Modest Čajkovskij, esprimendo sorpresa e soddisfazione per l’inatteso slancio creativo.

La Dama di picche fu, infatti, portata a termine con una rapidità incredibile in poco più di un mese all’inizio del 1890 e replicò il grande successo dell’Eugenio Onieghin (1878), tratto anch’esso da un racconto da Puškin.
I fratelli Čajkovskij rielaborarono a fondo il testo originario; dove questo è l’inquietante storia di una ossessione, di un’idea fissa, al centro dell’opera c’è, invece, la figura di German che diventa l’uomo del destino di due donne: Liza, che viene travolta dalla sua passione e la Contessa che sente in lui, nel suo sguardo di fuoco, una volontà malefica e distruttiva. Musicalmente si tratta di un’opera di straordinaria compattezza e coesione nella quale si fondono appieno perfezione tecnica e verità di espressione ovvero i due poli della musica di Čajkovskij, compositore colto e dotato di un mestiere e di un bagaglio tecnico di stile occidentale.

informareonline-la-dama-di-picche-1

Opera in tre atti su libretto di Modest Il’c Tchaikovsky
dal racconto omonimo di Aleksandr S. Puškin

Direttore | Juraj Valčuha
Regia | Willy Decker
Assistente alla Regia | Stefan Heinrichs
Scene e Costumi | Wolfgang Gussmann
Assistente ai costumi | Sara Berto
Luci | Hans Toelstede riprese da Wolfgang Schünemann
Vocal coach | Nino Pavlenichvili

Ruolo |Interprete

Herman |Misha Didyk / Oleg Dolgov
Il conte Tomskij |Tomas Tomasson
Il principe Eleckij |Maksim Aniskin
Liza |Anna Nechaeva / Zoya Tsererina
Polina |Aigul Akhmetchina
La contessa |Julia Gertseva
Čekalinskij |Alexander Kravets
Surin |Alexander Teliga
La governante |Anna Viktorova
Maša |Sofia Tumanyan
Čaplickij/Il cerimoniere |Gianluca Sorrentino
Narumov |Seung Pil Choi

Orchestra e Coro del Teatro di San Carlo
Produzione Staatsoper Hamburg
Durata: 3 ore circa con intervallo

 

di Emmanuela Spedaliere e Angelo Morlando
Foto Gentilmente concesse dal Teatro San Carlo

TRATTO DA MAGAZINE INFORMARE N°201 – GENNAIO 2020

Print Friendly, PDF & Email