L’ inumana Omofobia serpeggia fra la comunità. Il Comune di Castel Morrone espone denuncia

46
omofobia
Pubblicità

L’inumano serpeggiare dei cancri sociali genera mostri, non persone, che violentano il rispetto dell’altro e l’ideale del vivere civile.

In barba a qualsiasi diritto alla libertà (espressiva, sessuale, individuale), questi soggetti, trasformati in mostri, vivono nella percezione che la loro sia l’unica forma di vita possibile; che qualsiasi allontanamento espressivo, comportamentale o mentale dal loro codice di vita sia una sorta di marchio di estraneità e debolezza su cui è consentito imporre la forza del proprio dominio.

Pubblicità

Questi soggetti non conoscono la pluralità, perché in sostanza non conoscono la vita. Sempre confinati nel recinto della propria realtà locale non hanno mai fatto i conti con la vastità, la complessità e la diversità del mondo.

Si credono forti, virili e dominatori. Si denunciano chiusi, piccoli e provinciali.

Il serpeggiante cancro sociale è polimorfo perché a seconda dei casi assume nomi e fattezze diverse (possiamo chiamarlo razzismo, omofobia, xenofobia), ma in sostanza sono tutti sentimenti di odio e violenza connessi al machismo e risultanti dai residui, spesso troppo forti, di una cultura fascista, patriarcale, bianca e intollerante.

Nel Comune di Castel Morrone l’ennesimo atto di violenza, l’ennesima lapidazione occorsa alla libertà della persona. Sono stati coperti con una bomboletta di colore nero i manifesti rappresentati il Pride di Aversa, organizzato da Rain Arcigay Caserta ODV lo scorso venerdì, a cui il comune di Castel Morrone aveva dato il proprio patrocinio morale per la realizzazione.

Un fatto «Gravissimo», come denuncia il comune attraverso un proprio comunicato.

e fa sapere:

«Non perdoneremo gli atti vandalici e la chiara manifestazione omofoba che ha colpito non solo quest’iniziativa e la volontà amministrativa di promuoverla ma l’intera comunità lgbtqi+, che da anni paga le spese di una mentalità pregna di mascolinità tossica.

Come gruppo consiliare, già impegnato attraverso la promozione dello sportello contro la violenza di genere, ci auguravamo che la partecipazione e il patrocinio ad un’iniziativa del genere portasse la condivisione e la messa al centro di tematiche importanti come questa. Ci rendiamo conto, purtroppo, che il lavoro da fare è ancora molto e dovremmo rimboccarci le maniche, affinché episodi di violenza come questa non accadano mai più.
Gli accaduti sono stati segnalati alla polizia municipale, che provvederà all’identificazione dei responsabili ed istituiremo inoltre la delega alle pari opportunità, divenuta fondamentale dopo quest’evento.
Esprimiamo nel frattempo solidarietà, vicinanza e impegno ai cittadini e le cittadine colpite.
Firmato l’assessora alle politiche sociali, l’assessora alle politiche giovanili e l’amministrazione tutta».
Pubblicità