“Keep the guy gay”: così Nadir sostiene il Ddl Zan

146
Nel 2021 ribadire il rifiuto assoluto di ogni forma di discriminazione e di intolleranza deve diventare una priorità. Il Ddl Zan contro l’omotransfobia è un disegno di  legge che si oppone alla discriminazione e alla violenza per motivi fondati sul sesso, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità. 

Nadir Del Rey Cipriano, giovane castellano, scende in campo per testimoniare con la canzone “Keep the guy gay” la difesa dei diritti rappresentati dal disegno di legge Zan e per promuovere la cultura del rispetto e dell’ inclusione. 

Qual è il messaggio che ti preme comunicare con il tuo inedito “Keep the guy gay”? 
«“Keep the guy gay ” rappresenta  il mio impegno nel promuovere la libertà di ognuno di noi nel vivere il proprio orientamento sessuale e identità di genere in condizioni di dignità e sicurezza, opponendosi ad ogni forma di stigmatizzazione e discriminazione. Il messaggio che vorrei arrivasse a coloro che ascoltano la mia canzone è di non lasciare che gli altri ti impongano un determinato stile di vita, un orientamento sessuale ed un genere solo perché è considerato “normale” e “giusto”; io da piccolo non ho avuto la possibilità di scoprire me stesso e la consapevolezza della mia sessualità si è sviluppata tardivamente, complice l’idea che mi era stata inculcata su un solo tipo di amore contemplabile, quello tra un uomo e una donna. Come dicono le prime frasi della canzone “Keep the guy gay”: lascia che il ragazzo sia gay». 
Ti è mai capitato di essere vittima o di assistere a qualche episodio di omofobia o omotransfobia? 

«Sono stato fortunato: nessuna violenza fisica pesante, come oggi ancora troppo spesso accade. Ma ho spesso ricevuto e ho assistito a battute e scherzi omofobi. Quando ho fatto coming out con la mia famiglia, sono sempre stato incoraggiato. L’unica situazione difficile da superare è stata la reazione di mia madre; più che delusa era preoccupata dalle ripercussioni che il mio orientamento avrebbe avuto nella mia vita, aveva paura per me, consapevole che questo mondo spesso non accoglie coloro che vengono etichettati come “diversi“. Questa esperienza mi ha fatto riflettere e ha fatto crescere in me la volontà di cambiare qualcosa, anche se nel mio piccolo, e questo desiderio si è concretizzato nel testo “Keep the guy gay”». 

Pubblicità
Il Ddll Zan secondo te perché è importante? Se venisse approvato che impatto avrebbe? 

«Il disegno di legge Zan prevede delle misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità. Questa legge non impedisce che io venga discriminato per il mio orientamento, ma mi garantisce un supporto maggiore nel caso questo avvenga. Purtroppo le persone continueranno ad aggredire ed a schernirci; certamente possono essere sensibilizzate, ma per proteggere noi stessi sono necessarie misure preventive». 

Omosessualità in Italia: pensi si stiano facendo passi avanti? Cosa vorresti veder cambiare? 
«In Italia pian piano, il mondo LGBT sta acquisendo i diritti che gli sono propri, ma purtroppo ancora, in generale, non c’è un clima di accettazione paragonabile a quello di altri paesi europei. I passi avanti sicuramente ci sono stati, se ne parla molto e questo è importante: c’è Alessandro Zan con il suo disegno di legge contro l’omotransfobia oppure Monica Cirinnà che ha lottato per l’approvazione della legge che ha istituito le unioni civili in Italia per le coppie omosessuali. Nonostante questi grandi progressi, purtroppo, molte persone oggi non si sentono ancora a loro agio nell’esprimere la loro sessualità esplicitamente senza aver paura di ripercussioni a livello umano e sociale. È davvero avvilente vedere che nel 2021 l’amore in qualsiasi sua forma può essere motivo di angoscia e paura. Ognuno dovrebbe essere libero di amare chi crede, nella maniera che meglio crede e sentirsi semplicemente bene nel farlo».

di Chiara Gatti

TRATTO DA MAGAZINE INFORMARE 

N° 219 – LUGLIO 2021

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità