Jorit Russia murale

Jorit in Russia: polemiche per il maxi murale su Assange

Cristina Siciliano 15/09/2022
Updated 2022/09/15 at 12:22 PM
3 Minuti per la lettura

Da una settimana Jorit sta dipingendo a Mosca, in Russia, un maxi murale con il volto di Julian Assange (giornalista e attivista australiano che è a capo dell’organizzazione divulgativa WikiLeaks).

Jorit in Russia: polemiche per il maxi murale su Assange

L’artista napoletano sta presentando la sua opera in Russia sui suoi profili social in questi termini: “Se le guerre possono essere avviate dalle bugie, esse possono essere fermate dalla verità”. Il murale sta nascendo nella capitale Russa, in un momento di forte tensione tra il Paese guidato da Putin e l’Occidente.

Jorit mesi fa, è stato elogiato dallo stesso leader russo per un murale di Fuorigrotta dedicato a Dostoevskij, simbolo “dell’ingiusta epurazione” patita in questi mesi di guerra dalla cultura russa in occidente.

Tra i commenti alla nuova opera di Jorit, su Instagram, anche l’apprezzamento di Fiorella Mannoia. Non manca qualche critica e commento negativo. Infatti, c’è chi sottolinea – a proposito di perseguitati politici – “fai anche un murale coi dissidenti uccisi da Putin”.

Chi è Jorit

Jorit, pseudonimo di Ciro Cerullo, è un artista specializzato in arte urbana. Hanno scritto di lui le più grandi testate giornalistiche internazionali da The Guardian, BBC, Middle East Eye, TeleSur. Jorit affianca a un profondo realismo a una grande padronanza tecnica del mezzo pittorico forti messaggi di natura sociale.

L’attività pittorica di Jorit

Jorit ha iniziato a farsi conoscere a partire dal 2005 attraverso una serie di graffiti eseguiti a Napoli. I primi lavori, pur esprimendo elementi di originalità stilistica, erano molto legati all’espressione tipica del Graffitismo tradizionale. Jorit ha realizzato in questo primo periodo numerosi dipinti su treni su muri illegali ed ha frequentato le Yard (depositi dei treni dove i writer sono soliti dipingere in maniera illegale su di essi) di molti paesi europei.

Da 2013 in poi l’attenzione di Jorit si è concentrata esclusivamente sulla raffigurazione realistica del volto umano che inizia a marchiare con due strisce rosse sulle guance, che rimandano a rituali magici/curativi africani in particolare alla procedura della scarnificazione, rito iniziatico del passaggio dall’infanzia all’età adulta legato al momento simbolico dell’entrata dell’individuo nella tribù.

TAGGED: , , ,
Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.