ISLAM E OCCIDENTE

ISLAM E OCCIDENTE: ‘BENE FRATTINI, MA OCCORRE UN PASSO IN PIU”
IL COMMENTO DI NINO SERGI, INTERSOS,
ALLA LETTERA DEL MINISTRO AL CORRIERE DELLA SERA


Il Ministro degli Esteri Frattini ha voluto esprimere in una lettera al Corriere della Sera di oggi il suo pensiero e le sue proposte su Islam e Occidente e, piu in generale, su ‘come accogliere l’identita degli altri senza tradire la nostra’. Un plauso al Ministro sia per il momento scelto che per i contenuti espressi che richiamano i nostri valori identitari e propongono quattro elementi per una strategia italiana e europea in merito. C’è da sperare che quanto scritto diventi presto strategia condivisa dall’intero governo italiano.
I quattro elementi elencati da Frattini, a nostro avviso, andrebbero completati da altri due, senza i quali tutto avrebbe poca efficacia:
1. L’adozione di politiche attive di integrazione, fondate sulla scuola, sui servizi sociali, sulla dignità del lavoro, e il senso di cittadinanza.
2. Una decisa e maggiore attenzione ai paesi più emarginati, basata su una partecipazione politica e una cooperazione che guardino al futuro e abbiano investimenti adeguati.
In sintesi, occorre tradurre le parole e le buone intenzioni (dall’integrazione alla cooperazione allo sviluppo, alla lotta al terrorismo in Somalia e in Afghanistan, etc) in politiche lungimiranti e politicamente prioritarie. Politiche che non si riducano a interventi marginali e alla sola dimensione della sicurezza o alla forze armate, ma che affrontino i problemi alla radice, con gli strumenti, le azioni e le risorse necessarie, forse ingenti ma indispensabili per passare dalle parole ai fatti.

15 settembre 2010
Nino Sergi,
Segretario generale INTERSOS

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista – Fonda il “Centro studi officina Volturno” nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE.
In un territorio “difficile” è convinto che attraverso la cultura e l’impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra.
Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico.
Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle “eccellenze” dei nostri territori che RESISTONO.
Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani…ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.