ISIS “Vincenzo Corrado” di Castel Volturno, corso di aggiornamento sulla mozzarella di bufala

Tavolo della Presidenza Da sx: dott. Beniamino Ferrara (biologo), dott Andrea Ariano (veterinario), dott.ssa Angela Petringa (dirigente scolastico ISIS Vincenzo Corradò) e dott. Costanzo dell'omonimo caseificio

Tavolo della Presidenza – da sx: dott. Beniamino Ferrara (biologo), dott Andrea Ariano (veterinario), dott.ssa Angela Petringa (dirigente scolastico ISIS Vincenzo Corradò) e dott. Costanzo dell’omonimo caseificio.

 

 

 

Un incontro di altissimo profilo tecnico e professionale si è svolto questa mattina presso l’Istituto “Vincenzo Corrado” di Castel Volturno, accolti da ragazzi dell’istituto che con un organizzazione perfetta gestivano gli ospiti, oltre ad un buffet di dolci deliziosi che ben conciliavano l’inizio dei lavori. La Dirigente scolastica dott.essa Angela Petringa dopo aver dato i saluti di rito ad un assemblea numerosa e con rappresentanti proveniente da tutta Italia e presentato i relatori ha dato inizio ai lavori.

Domani si continuerà con un full-immersion direttamente in un importantissima realtà casearia rappresentata dalla Costanzo Agricola affinché ci si renda conto direttamente dei vari processi della lavorazione della mozzarella di bufala, iniziando dall’allevamento, alla trasformazione e alla vendita.

Di tutto questo importante lavoro su un prodotto, la mozzarella di bufala (chiamata oro bianco), ne faremo un servizio sul prossimo numero del nostro periodico Informare.

Per ulteriori info clicca qui.

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda l'associazione "Centro Studi Officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani, ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.