Ischia: molto più di una meta estiva

informareonline-ischia-molto-più-di-una-meta-estiva-2

L’isola Flegrea è principalmente conosciuta come una delle mete turistiche più alla moda, soprattutto tra i giovani. Ma in molti non riescono a vedere il grande potenziale che questa zona ha, limitandosi a visitarla solo durante i mesi estivi.

Sono molte le attività che possono essere fatte a Ischia, da persone di tutte le età e soprattutto anche in bassa stagione. Di seguito ne conosceremo alcune insieme.

Se vi piace ammirare panorami, la Chiesa del Soccorso di Forio ne offre uno suggestivo. Particolarmente curioso è il fenomeno ottico del raggio verde all’orizzonte, dovuto alla rifrazione della luce solare da parte dell’atmosfera.

Un luogo che merita di essere visitato è Villa Arbusto, situata nel comune di Lacco Ameno. Il museo ospita tutti i reperti archeologici ritrovati sull’isola, dal neolitico a quelli dell’epoca classica. Il reperto più importante è la Coppa di Nestore che rappresenta il primo frammento di poesia e una delle più antiche testimonianze di testo scritto in greco.

Anche il trekking è un’attività interessante da svolgere a Ischia. Il monte Epomeo è sicuramente uno dei luoghi più suggestivi. In poco più di un’ora è possibile raggiungere la vetta e ammirare il panorama mozzafiato che, nelle giornate migliori, offre anche uno stralcio del Vesuvio e della penisola sorrentina. Per i più giovani è possibile trascorrere un pomeriggio all’Adventure Park del comune di Barano. Nella massima sicurezza si affronteranno giochi sospesi tra gli alberi, camminando su passerelle, ponti e tunnel.

È sempre importante imparare a conoscere il patrimonio culturale del proprio paese e quest’isola ne ha molto.

Il Castello Aragonese, il suo simbolo principale, risale al III secolo ed è posto su un piccolo isolotto che è collegato all’isola tramite un ponte costruito da Alfonso V d’Aragona. L’edificio in realtà non occupa tutta la superficie, che è principalmente ricoperta da vigneti e orti. Al suo interno è possibile visitare la Chiesa dell’Immacolata, suggestiva per la sua cupola. Il Convento delle Clarisse che ospitava circa quaranta suore. Infine le suggestive terrazze panoramiche dalle quali è possibile ammirare una vista mozzafiato.

Di grande interesse sono i percorsi enogastronomici, soprattutto nel periodo pasquale, durante il quale è possibile prendere parte anche ai numerosi eventi culturali. Tra le cose da mangiare assolutamente sull’isola, c’è il coniglio all’ischitana, che conta materie prime davvero importanti come spezie e vino. Altrettanto invitante è la zingara, semplice pane con prosciutto crudo, pomodoro e mozzarella ma che, nella sua semplicità, si afferma come una delle pietanze tipiche. Risulta immancabile per i turisti il famoso cornetto, soprattutto nei bar più storici.

In molti già sanno delle qualità termali di questo territorio, che beneficia di virtù terapeutiche importanti. Numerosi stabilimenti sono aperti anche durante il periodo natalizio. Queste acque sono particolarmente indicate per la cura di problemi ortopedici degenerativi e post traumatici, malattie reumatiche articolari e malattie respiratorie. Tra i parchi più famosi e visitati ci sono i Giardini Termali Poseidon che sono il caposaldo del Termalismo made in Ischia.

di Iolanda Caserta

Print Friendly, PDF & Email