Inno alla memoria: Piazza A. Picoco

35
informareonline-picoco-targa

Un luogo testimone di una “vittima del dovere”

Attilio Picoco nasce a San Pietro Vernotico (BR) il 23.03.1972; nel 1992 si arruola alla Scuola Allievi Carabinieri di Campobasso e nel 1993 viene assegnato alla Stazione di Lauro (AV); nel corso della sua carriera militare, viene trasferito alla stazione di Trentola Ducenta (CE); nel 2002 frequenta il corso di specializzazione come guardia del corpo, a seguito della quale, viene destinato ad organismo NATO di Bagnoli; rientrato poi, viene assegnato alla Compagnia Carabinieri di Nola, quale addetto all’Aliquota Radiomobile rivestendo il grado di Appuntato e poi quello di Vice Brigadiere a seguito di partecipazione del relativo corso.

Svolge il suo lavoro con estremo patriottismo ed amore per l’Arma dei Carabinieri e nel corso della sua carriera miliare, gli vengono consegnati numerosi riconoscimenti tra cui 2 medaglie croce d’argento e d’oro per anzianità di servizio; 5 medaglie NATO, comprendente anche quella commemorativa di mantenimento Pace nell’area ex Balcani. In data 20.07.2018, mentre si trovava in servizio con un collega per rilevare un sinistro stradale, sulla SS 7Bis, veniva travolto da un‘autovettura, riportando ferite letali; dopo undici giorni d’agonia, il decesso avveniva il 31.07.2018; con la presenza delle massime Autorità, i funerali venivano svolti il 02.08.2018.

informareonline-manifestazione

“Vittima del dovere”, il Brigadiere Attilio Picoco, viene ricordato ancora oggi con tanto affetto ed ammirazione dalla popolazione di Lauro, dove è tumulata la sua salma, al cimitero locale. Ad ulteriore dimostrazione dell’incredibile devozione col quale il Brigadiere Picoco svolgeva il suo lavoro ed a testimonianza di quanto la popolazione di Lauro ne fosse a conoscenza, Lauro, ad imperituro ricordo, ha concesso l’intitolazione dell’attuale piazza. Il sindaco, il Dott. Antonio Bossone per dare memoria al Brigadiere, uomo e difensore di tutti caduto in servizio all’età di 46 anni, ha ricordato Attilio come un uomo pieno di valori e di grande morale, la cui perdita è stata grave non solo per i suoi cari, ma anche per l’intera comunità e per un’altra grande famiglia quale l’Arma dei Carabinieri.

informareonline-cerimonia

La cerimonia dell’intitolazione della “Piazza Attilio Picoco” è avvenuta nel Comune di Lauro lo scorso 25 ottobre; come da programma, alle ore 11:00 ha avuto luogo la Santa Messa nella Chiesa dei SS. Margherita e Polito in Piazza Municipio, in seguito, alle ore 12:00 si è dato il via alla Cerimonia di intitolazione della Piazza situata in Via P. Amedeo con esibizione della Fanfara dei Carabinieri. Di grande rilievo è stata la partecipazione delle Autorità civili e militari, in particolare erano presenti: il Sottosegretario del Ministero dell’Interno On. Carlo Sibilia; il Comandante del Comando Interregionale dei Carabinieri Ogaden Gen. C.A. Vittorio Tomasone; il Comandante della Legione Carabinieri Campania Gen. D. Maurizio Stefanizzi; il Prefetto della Provincia di Avellino Dott.ssa Maria Tirone; il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Avellino Col. Massimo Cagnazzo; il Questore di Avellino Dott. Lugi Botte; il Presidente della Provincia di Avellino Avv. Domenico Biancardi; oltre al Sindaco di Lauro Dott. Antonio Bossone, hanno dimostrato la loro vicinanza anche i Sindaci dei Comuni limitrofi.

La cerimonia ha avuto inizio con la lettura della seguente motivazione:

“L’Amministrazione comunale di Lauro per esprimere il proprio sentimento di profonda riconoscenza al Brig. Attilio Picoco ed a tutta l’Arma dei Carabinieri, affinché i posteri non possano mai dimenticare il sacrificio donato alla collettività, ha deciso di intitolare la piazza al concittadino Attilio, sempre contraddistintosi per le eccezionali doti umane e militari.”

Si è proceduto allo scoprimento della targa da parte del Sindaco di Lauro, del Sottosegretario del Ministero dell’Interno, del Prefetto di Avellino, del Comandante Interregionale Carabinieri Ogaden, del Comandante della Legione Carabinieri Campania e della vedova Picoco, sig.ra Patrizia Acerra.

informareonline-picoco

Subito dopo inizia il suo discorso il Sindaco di Lauro che ringrazia le Autorità e la cittadinanza presente, dedicando qualche minuto in ricordo di Attilio ed elogiando particolarmente la sua grande famiglia, l’Arma dei Carabinieri che, presente su tutto il territorio nazionale, svolge quotidianamente servizio a tutela dei cittadini ed a fianco dei deboli.

Nella circostanza viene consegnato all’Arma dei Carabinieri, ritira il Gen. C.A. Vittorio Tomasone, il premio “Dirigibile d’Oro”, del loro illustre concittadino, Umberto Nobile (Generale della Regia Aeronautica in servizio fino al 1929), quale segno di riconoscenza per l’impegno profuso dai Carabinieri a favore della collettività.

informareonline-picoco-2

Dopo il Sindaco, interviene il Gen. C.A. Vittorio Tomasone che ringrazia tutti i presenti sottolineando l’importanza dell’evento che consolida il rapporto di fiducia nell’Arma da parte della popolazione. Saluta e ringrazia tutte le famiglie a cui è stata stravolta la vita da quel tragico 20 luglio 2018, facendo riferimento anche alla famiglia dell’Arma dei Carabinieri che non dimentica mai i propri figli che hanno dato la vita per il servizio. Ha informareonline-picoco-3colpito particolarmente la partecipazione alla cerimonia da parte dei bambini della scuola di Lauro che vestivano simbolicamente, il berretto del Carabiniere. Al riguardo il Generale ringrazia le insegnanti per l’iniziativa ed offre un suggerimento educativo, proponendo ai docenti di far calzare o meno il berretto ai bambini a seconda del loro comportamento, perché essere carabiniere significa aver un comportamento corretto all’interno ed all’esterno dell’Istituzione e nelle comunità in cui si vive.

Il Generale, inoltre, esprime gratitudine nei confronti del Sindaco e della popolazione di Lauro per l’importante iniziativa a dimostrazione del quotidiano sforzo profuso per assicurare pace, tranquillità e serenità. Ringrazia ancora i familiari di Attilio, ricordando anche tutti i Carabinieri che sono caduti nell’adempimento del dovere, estendendo il ricordo anche a tutti coloro, militari e civili, che perdono la vita affrontando ogni giorno il proprio servizio. Inoltre, ringrazia ancora il Sindaco e l’Amministrazione Comunale per aver deciso di ricambiare l’Arma attraverso il più elevato riconoscimento che riguarda un illustre cittadino di Lauro, Umberto Nobile, “Generale dell’Aria” che con il suo ardimento e con il suo senso di appartenenza, il suo elevato grado di competenze tecniche ha spinto la ricerca di allora verso traguardi che sono stati utili alla comunità internazionale.

informareonline-cappello

“La cerimonia dell’intitolazione della Piazza ha rappresentato un gesto di riconoscimento e vicinanza nei confronti dell’Arma dei Carabinieri, sottolineando l’importante sensibilità dei cittadini di fronte alla consapevolezza dei rischi altissimi che quotidianamente gli uomini in uniforme corrono per la tutela e la difesa del popolo.”

 

di Andrea Passero 

 

Print Friendly, PDF & Email