INTERVISTA A CERRITO:

Iniziative e prospettive per la rinascita di BAIA DOMIZIA E BAIA FELICE:

Cerrito, quali le priorità per rilanciare il Territorio?

Occorrono iniziative e progetti di grande respiro, capaci di ridare vitalità al turismo, al commercio, all’agricoltura, all’artigianato.

 

Come raggiungere questi obiettivi.

lo dico da tanti anni…credo sia necessario e da subito, creare i presupposti, attraverso un manager del Turismo di spessore nazionale ed internazionale, che affianchi una squadra di nostri giovani e insegni loro come fare turismo in Italia e nel mondo. Non di meno un esperto per le esportazioni dei nostri prodotti agroalimentari e commerciali in Italia e all’estero, anche a mezzo di un blog interattivo che metta in luce nel mondo, tutte le nostre bellezze paesaggistiche, le nostre ricchezze di arte, storia, cultura e prodotti enogastronomici, con percorsi itineranti organizzati.

Quali le altre priorità necessarie al rilancio?

Rafforzare l’organizzazione sanitaria, l’ordine e la sicurezza pubblica a favore dei cittadini e dei villeggianti, riorganizzare la raccolta dei rifiuti, dello spazzamento delle strade , il verde attrezzato, il riordino dei marciapiedi e della pubblica illuminazione, la pulizia dei canali consortili e comunali, il buon funzionamento della condotta delle acque reflue, una rivisitazione di tutto il sistema fognario del territorio, per avere un mare ancora migliore e stabile, ed ancora un servizio efficiente con navette bus che colleghino Baia Sud con Cellole, Stazione Ferroviaria di Sessa/ e con la città di Roccamonfina, per un turismo “mare/monti” .

Cerrito, in altre realtà turistiche, si punta molto su cultura, eventi e spettacolo. Qual è la sua idea?

E’ necessario dar vita ad un programma strategico, rivolto agli Eventi di cultura, sport, sociale e tutto ciò che fa spettacolo di spessore, facendo riemergere, “i saperi e i sapori” della nostra bellissima terra, vogliamo e dobbiamo essere una comunità efficiente, organizzata e trasparente per cambiare ed offrire lavoro e serenità alla nostra gente.

Non è così già oggi da parte delle amministrazioni locali?

Sabato scorso girando i lidi per la “Catena Umana” ho visto con molto dolore, cartelli con programmi artistico/culturali di Gaeta ed altre realtà .. di contro, io ho sempre attratto un pubblico di qualità con i più grandi nomi del Cinema,della Cultura, dello Spettacolo, del Teatro e della Scienza, ma tutto con una seria ed articolata programmazione stagionale che iniziava a Giugno e finiva ad Ottobre.

E’ chiaro che per realizzare tutto questo e far rinascere Baia Domizia, Baia Felice, Cellole, Sessa, credo ci sia bisogno di persone giuste al posto giusto nel rispetto della trasparenza e di qualità meritocratiche, con un definitivo stop alle improvvisazioni che non servono a niente e a nessuno.

:

Cerrito, quali le priorità per rilanciare il Territorio?

Occorrono iniziative e progetti di grande respiro, capaci di ridare vitalità al turismo, al commercio, all’agricoltura, all’artigianato.

 

Come raggiungere questi obiettivi.

lo dico da tanti anni…credo sia necessario e da subito, creare i presupposti, attraverso un manager del Turismo di spessore nazionale ed internazionale, che affianchi una squadra di nostri giovani e insegni loro come fare turismo in Italia e nel mondo. Non di meno un esperto per le esportazioni dei nostri prodotti agroalimentari e commerciali in Italia e all’estero, anche a mezzo di un blog interattivo che metta in luce nel mondo, tutte le nostre bellezze paesaggistiche, le nostre ricchezze di arte, storia, cultura e prodotti enogastronomici, con percorsi itineranti organizzati.

Quali le altre priorità necessarie al rilancio?

Rafforzare l’organizzazione sanitaria, l’ordine e la sicurezza pubblica a favore dei cittadini e dei villeggianti, riorganizzare la raccolta dei rifiuti, dello spazzamento delle strade , il verde attrezzato, il riordino dei marciapiedi e della pubblica illuminazione, la pulizia dei canali consortili e comunali, il buon funzionamento della condotta delle acque reflue, una rivisitazione di tutto il sistema fognario del territorio, per avere un mare ancora migliore e stabile, ed ancora un servizio efficiente con navette bus che colleghino Baia Sud con Cellole, Stazione Ferroviaria di Sessa/ e con la città di Roccamonfina, per un turismo “mare/monti” .

Cerrito, in altre realtà turistiche, si punta molto su cultura, eventi e spettacolo. Qual è la sua idea?

E’ necessario dar vita ad un programma strategico, rivolto agli Eventi di cultura, sport, sociale e tutto ciò che fa spettacolo di spessore, facendo riemergere, “i saperi e i sapori” della nostra bellissima terra, vogliamo e dobbiamo essere una comunità efficiente, organizzata e trasparente per cambiare ed offrire lavoro e serenità alla nostra gente.

Non è così già oggi da parte delle amministrazioni locali?

Sabato scorso girando i lidi per la “Catena Umana” ho visto con molto dolore, cartelli con programmi artistico/culturali di Gaeta ed altre realtà .. di contro, io ho sempre attratto un pubblico di qualità con i più grandi nomi del Cinema,della Cultura, dello Spettacolo, del Teatro e della Scienza, ma tutto con una seria ed articolata programmazione stagionale che iniziava a Giugno e finiva ad Ottobre.

E’ chiaro che per realizzare tutto questo e far rinascere Baia Domizia, Baia Felice, Cellole, Sessa, credo ci sia bisogno di persone giuste al posto giusto nel rispetto della trasparenza e di qualità meritocratiche, con un definitivo stop alle improvvisazioni che non servono a niente e a nessuno.

Redazionale

Print Friendly, PDF & Email