Anche quest’anno INFORMARE sarà Media Partner dell’ XI Edizione del Festival dell’Impegno Civile.

È con grande orgoglio e onore che seguiremo, come Informare, questa prestigiosa manifestazione che rappresenta uno dei momenti più significativi per il nostro territorio, di aggregazione civica e di denuncia contro tutte le illegalità e nella memoria delle vittime innocenti di mafia.

La redazione d’Informare
Fabio Corsaro – direttore responsabile
Tommaso Morlando – direttore editoriale

 

XI Edizione del Festival dell’Impegno Civile – Le terre di Don Peppe Diana, che si realizzerà a partire dal 21 giugno e fino al 28 luglio, sui beni confiscati e nei beni comuni in Campania e in altre città di Italia.

Il Festival, promosso dal Comitato Don Peppe Diana e dal Coordinamento Provinciale di Libera Caserta, è giunto alla undicesima edizione ed il tema di quest’anno è Siamo in ritardo ma siamo ancora in tempo.

Un fil rouge che ci accompagnerà nelle serate di musica, teatro, cultura attraversando i paesi, le province e le regioni di Italia a partire dal 21 giugno per la consueta cena inaugurale a Casa don Diana, bene confiscato di via Urano a Casal di Principe.

Tappa dopo tappa e nel nome di don Giuseppe Diana e di tutte le vittime innocenti, talenti, persone, gruppi, esperienze, faranno fronte comune per mostrare i frutti delle quotidiane azioni di resistenza ad ogni di tipo di criminalità.

Festival 2018 Media Partner

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteMagazine giugno 2018
Articolo successivoTuscany Trail: una sfida con se stessi
Tommaso Morlando
Giornalista - Fonda l'associazione "Centro Studi Officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani, ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta auto-diffondendo.