Incontro col cast de “Il mio uomo perfetto”

Il mio uomo perfetto - Photo Credit Gabriele Arenare

Il mio uomo perfetto” è il titolo del film diretto da Nilo Sciarrone e interpretato da Nancy Coppola, Eva Grimaldi, Francesco Testi e Antonio Palmese, giovane di Castel Volturno che ha fatto anche parte dell’associazione “Centro Studi Officina Volturno”.

Antonietta (Nancy Coppola) è una ragazza determinata e autonoma che spera di trovare l’uomo dei suoi sogni. «La perfezione non esiste –  afferma la cantante e attrice – La fortuna sta nel trovare una persona abbastanza intelligente da non macerarsi in sentimenti come la gelosia che, se portati all’eccesso, compromettono seriamente l’equilibrio della coppia. Io, in questo senso, con mio marito sono stata fortunata. In lui ho trovato un amico, un amante, un sostegno… Tutto».

 

 

 

Federico (Antonio Palmese) è un giovane operaio affascinato dalla bella barista Antonietta. «Io credo che la vera perfezione consista nell’essere completamente se stessi – afferma Palmese – Mi sono trovato benissimo in questo film, perché il regista mi ha dato carta bianca nell’interpretare un ruolo che non ho fatto fatica a recitare, avendo trovato molti punti in comune tra me e il personaggio. È stato molto bello constatare quanto l’amore e la passione possano portare ciò in cui si crede a livelli alti, anche se si parte da piccole risorse. Questo set mi ha regalato tanto per il clima di spontaneità e cordialità creatosi fra tutti noi. Recitare per me è stato come ballare un tango: seguire una coreografia, che in questo caso è la sceneggiatura, e fare piccoli passi, in modo graduale, insieme a tutto il gruppo».

«Ci siamo rimboccati le maniche sin dall’inizio – afferma il regista Sciarrone – coinvolgendo attori come Eva Grimaldi, Francesco Testi, Antonio Palmese, Maria Del Monte ed altri nomi illustri. È un film “love budget”, cioè fatto con amore e per amore; un sentimento che spesso si tende a complicare, ma che nella sua vera essenza è la cosa più semplice che possa esistere. Intorno ad esso, inevitabilmente, ruotano tutti gli altri argomenti», conclude.

«Siamo di fronte ad una grande rinascita del Sud – afferma Eva Grimaldi – e io sono molto contenta di aver preso parte a questo film, girato con grande umiltà e sono disponibile a supportare qualsiasi progetto che possa nascere in questa splendida città. Vittorio Gassman una volta mi disse che quando non avessi sentito più le farfalle nello stomaco avrei dovuto cambiare lavoro. Ecco, finora le ho sempre sentite e le sento ancora. Forza Napoli!».

di Teresa Lanna
Foto di Gabriele Arenare

Tratto da Informare n° 180 Aprile 2018

About Teresa Lanna

Laureata in "Lingue e Letterature Straniere" nel 2004, nel 2010 ha conseguito la Laurea Magistrale in "Arte Teatro e Cinema" presso l'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale". Tra le sue più grandi passioni, l'Arte, la Fotografia, il Cinema, la Letteratura, la Musica e la Poesia. Grande sostenitrice dell'Art.3 della Costituzione Italiana, è da sempre allergica ad ogni tipo di ingiustizia sociale. In vetta alla classifica delle città che ama di più ci sono Napoli e Firenze.