Incarico rifiuti Castel Volturno, le risposte dell’Ing. Francesco Girardi

100

L’Ing. Francesco Girardi, in passato incaricato dall’Amministrazione di Castel Volturno, risponde alle domande sul Piano Industriale

A seguito della pubblicazione del nostro ultimo approfondimento, abbiamo sentito l’Ing. Francesco Girardi per comprendere l’evolversi del suo progetto e perché non avesse ricevuto riscontri dall’amministrazione di Castel Volturno.

Prontamente l’Ing. Girardi ha risposto al nostro quesito:

“RingraziandoVi per avermi contattato, posso risponderVi che rimango basito per quanto sta accadendo. Ho attestato mia ampia disponibilità all’Amm.ne a fronte del pagamento del servizio di pianificazione da me svolto, di proseguire il percorso esecutivo che fu stoppato all’atto del rimpasto di Giunta che ha sancito la nomina ad Assessore all’Ambiente dell’ex consigliere Marrandino.

Pubblicità

Da questo momento si sono interrotti i rapporti con l’Amm.ne che avevano portato alla stesura della bozza definitiva già avviata alle discussioni con il Sindaco e la maggioranza tutta. Il mio Piano prevede raccolte dedicate ai singoli quartieri tanto di tipo domiciliare quanto con 19 eco-stazioni presidiate per l’area Dx Volturno. Tra l’altro ho scritto in vista del PNRR, una Pec al Comune in cui rappresentavo la grande opportunità di poter richiedere un finanziamento Ministeriale tramite la Linea A per vedersele pagate per intero.

Un investimento che certamente le economie di scala in seno al Piano riescono ad ammortizzare, ma che sarebbe stato certamente meglio farsi pagare dal MITE.

Diversi Consiglieri Comunali mi hanno scritto chiedendomi l’invio formale degli atti di progettazione prodotti a fronte del pagamento della fattura non avendo ricevuto risposte alcune dal Sindaco.

Il mio Piano può ridurre i costi della TARI partendo da – 12 % fino a – 22 % rispetto ad oggi, consentendo nel contempo tutti gli investimenti necessari tra cui diversi Aspiratori elettrici per Ischitella, Pinetamare e 2 in Dx Volturno un azzeramento progressivo dell’abbandono rifiuti e l’impiego di tutti gli operai in cantiere oltre che altri assistenti esterni come volontari ambientali. Avevo previsto anche il coinvolgimento delle rappresentanze Africane in progetti di presidio delle eco-stazioni dopo averne effettuato uno studio demografico approfondito. Spero che il Sindaco voglia chiarire il prima possibile.”

Pubblicità