Ilaria Salis candidata alle elezioni europee: l'annuncio ufficiale

Ilaria Salis candidata alle elezioni europee: l’annuncio ufficiale

Cristina Siciliano 19/04/2024
Updated 2024/04/19 at 5:12 PM
5 Minuti per la lettura

Dopo dubbi, indiscrezioni e tentennamenti arriva l’annuncio ufficiale: Ilaria Salis candidata alle prossime elezioni europee nelle liste Alleanza Verdi-Sinistra. C’è quindi la possibilità che, l’insegnante 39enne detenuta in Ungheria, con l’accusa di aver partecipato a un pestaggio di manifestanti e di aver aggredito due militanti neonazisti a Budapest nel 2023, venga eletta. Ma la corsa alle europee farà scattare la scarcerazione? Naturalmente sì, se eletta. “Alleanza Verdi Sinistra – si legge in una nota – in accordo con Roberto Salis ha deciso di candidare sua figlia Ilaria, detenuta in Ungheria, in condizioni che violano gravemente i diritti delle persone, nelle proprie liste”.

La scelta di Ilaria Salis di candidarsi alle elezioni europee

La conferma è arrivata nella giornata di giovedì 18 marzo con una nota diffusa alla stampa. “Una scelta che punta a tutelare i diritti e la dignità di una cittadina europea – si legge sempre nella nota dell’alleanza -. L’obiettivo è quello di generare una grande e generosa battaglia affinché l’Unione Europea difenda i principi dello Stato di Diritto”. Ilaria Salis però dovrà comunque attendere in carcere l’esito delle elezioni. Perché mentre il suo difensore Gyorgy Magyar dice che nel paese l’immunità scatta nel momento della presentazione delle liste, per le candidature in Italia si applica la norma interna.

Ilaria Salis candidata alle elezioni: le parole di Giorgia Meloni

Giorgia Meloni, parlando con la stampa dopo la riunione del Consiglio Europeo, ha lasciato alcune dichiarazioni in merito. “La candidatura di Ilaria Salis alle Europe non cambia il lavoro del governo – ha sottolineato la premier -. Ho sentito oggi voci di una sua candidatura poi smentite. Tuttavia, come già in passato, ho detto che la politicizzazione della vicenda non aiuta”.

La spiegazione di Angelo Bonelli

Angelo Bonelli inizialmente aveva smentito la candidatura di Ilaria Salis alle europee. Oggi però il deputato è tornato in studio a l’Aria che Tira per spiegare le ragioni della smentita. “Mi scuso ma non avevo alternative che smentire ieri perché mentre stavamo parlando i documenti stavano entrando in carcere – ha spiegato Angelo Bonelli -. Una mia conferma avrebbe potuto compromettere la firma e non potevo che avere quel tipo di atteggiamento. Mi assumo le responsabilità di aver detto una cosa non vera, ma la prudenza era dettata da questo motivo e le chiedo scusa”.

La vicenda

Ilaria Salis, insegnante di 39 anni, non anarchica ma antifascista, è accusata dall’11 febbraio 2023 di lesioni aggravate nei confronti di alcuni manifestanti di estrema destra. L’accusa per la 39enne è di aver partecipato agli scontri durante il corteo e di aver aggredito due manifestanti. Ilaria Salis, secondo l’accusa, è una componente di un gruppo di persone dal volto coperto, mostrate in un filmato, che colpiscono due attivisti di estrema destra con dei manganelli. Le persone colpite non avrebbero sporto denuncia e le loro ferite sarebbero state guaribili in pochi giorni però, a quanto pare, l’accusa parla di lesioni potenzialmente letali. Durante l’udienza del 29 gennaio, Ilaria Salis si è dichiarata non colpevole. Per 5 settimane, in carcere non ha avuto abiti e biancheria di ricambio, arrivati solo quando il consolato italiano è stato autorizzato a consegnarle un pacco.

La lettera

«Sono trattata come una bestia al guinzaglio. Al mio arrivo non mi hanno dato neanche il pacco con articoli per l’igiene intima personale che danno a tutti i detenuti – si legge nelle 18 pagine scritte a mano da Ilaria Salis -. Mi sono trovata senza carta igienica, sapone e assorbenti. A giugno sono rimasta con 50 fiorini sul conto, cioè 12 centesimi di euro, e non ho potuto fare la spesa per un mese e mezzo».

Il 29 gennaio 2024 Ilaria Salis è stata ripresa con le manette e le catene a piedi e polsi durante il processo. In quell’occasione l’altro imputato tedesco si è dichiarato colpevole, ottenendo una condanna a 3 anni di reclusione. Al contrario, Ilaria Salis ancor oggi continua a professare la sua innocenza rinunciando al patteggiamento.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *