luigi-varallo

Il suono del violoncello al tempo di Carlo e Ferdinando IV di Borbone

Redazione Informare 02/12/2022
Updated 2022/12/02 at 3:55 PM
2 Minuti per la lettura

Sabato 3 dicembre 2022 un interessante concerto barocco, parte del progetto “Da Vanvitelli al futuro in Terra di Lavoro e nei suoi musei”, si svolgerà nella chiesa di Santa Maria de Commendatis, presso Maddaloni.

L’ingresso al concerto sarà gratuito con un limite massimo di capienza di circa 40 posti. Lo spettacolo comincerà alle ore 19.00

Il programma del concerto esplora le musiche che accompagnarono gli anni di Carlo di Borbone e sua moglie Maria Amalia e poi quelli del figlio e successore Ferdinando IV, coprendo quasi interamente il periodo del soggiorno di Luigi Vanvitelli nel Regno di Napoli. Protagonista assoluto sarà il violoncello solista con pagine di assoluta bellezza capaci di raccontare il transito dello stile musicale dal barocco al galante. Di particolare virtuosismo sono i brani “a solo”, cioè senza accompagnamento, celebri quelle di Bach, del tutto sconosciute quelle del “napoletano” Scipriani. Un piccolo spazio sarà affidato anche al clavicembalo per raccontare in parallelo le musiche dedicate alla didattica per tastiera.

concerto è organizzato dall’Associazione Culturale “Francesco Durante”, partner gratuito del progetto. L’elenco dettagliato delle musiche che saranno eseguite è disponibile a questo link:

http://assodur.altervista.org/sabato-3-dicembre-2022-ore-19/

L’evento è parte del progetto “Da Vanvitelli al futuro in Terra di Lavoro e nei suoi musei”, ideato e organizzato dal Sistema Museale “Terra di Lavoro” grazie al finanziamento della Regione Campania (UOD 501201 musei e biblioteche). Dal 2009, il Sistema Museale Terra di Lavoro riunisce gli Enti locali (Comune di Caserta, Comune di Maddaloni, Comune di Piedimonte Matese, Comune di San Pietro Infine, Comune di San Nicola la Strada) e l’istituzione scolastica (Istituto Tecnico “Buonarroti” Caserta), tutti titolari di musei riconosciuti (di qualità) dalla Regione Campania. Tra gli obiettivi condivisi sono la promozione integrata e sinergica del patrimonio e del territorio.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *