Castel Volturno, Petrella: “Devo riflettere, così è impossibile continuare”

556
Il sindaco Petrella: “Dopo due anni ancora non siamo riusciti a essere una squadra!”

Le dimissioni del sindaco Luigi Petrella date in diretta streaming nel Consiglio Comunale dell’altro giorno, sono risultate un fulmine a ciel sereno per i cittadini di Castel Volturno.

Quest’amministrazione di chiara matrice di centro destra, presentatosi alle elezioni con i simboli dei partiti nazionali di Fratelli d’Italia, Forza Italia e Lega più una civica, sin dall’inizio ha avuto grandi difficoltà, tanti gli assessori cambiati in corso d’opera e l’abbandono dalla maggioranza di alcuni consiglieri (Riccardo-Napolitano) ha creato conseguenziali problemi numerici, a questo punto anche il voto di un solo consigliere diventava determinante, pertanto ogni decisione deve superare non pochi “ostacoli”.

Pubblicità

Solo pochi giorni fa, avevo avuto un incontro personale ed informale, con il sindaco Petrella, avevamo avuto l’opportunità per poter parlare di varie tematiche, mi aveva reso partecipe delle tante difficoltà che stava incontrando principalmente per la mancanza di personale, oltre la pandemia che ha creato difficoltà oggettive in tutti i settori, anche se Castel Volturno aveva risposto benissimo in termini di solidarietà umana e sociale.
Ma nonostante la stanchezza evidente, non aveva lasciato intuire nessun atto tanto determinante e dirompente come le dimissioni date.

Il sindaco Petrella dopo aver annunciato le dimissioni non aveva rilasciato nessuna dichiarazione, gli avevo inviato un messaggio ieri per la grande sorpresa, ma non mi aveva risposto, poi oggi pomeriggio mi arriva un messaggio in risposta, … dopo avergli cercato l’autorizzazione ritengo doveroso pubblicarla, principalmente per i cittadini di Castel Volturno, che sono seriamente preoccupati per l’evolversi di questa crisi, che capita all’inizio della stagione estiva.

Non ritengo necessario fare commenti, rispetto il travaglio che in questo momento vive una persona che resta principalmente delusa e amareggiata, visto che dopo due anni, non si riesce a trovare una sintesi per poter amministrare serenamente. Ma sono le responsabilità che la carica di sindaco, in una città tanto complessa come la nostra, comportano e che vanno affrontate, visto che l’interesse finale è il bene comune dei cittadini.

Scusami Tommaso.. posso solo dirti e questo è già di tua conoscenza, che purtroppo sono trascorsi due anni e non siamo riusciti a trovare una sinergia comune tra le forze politiche e singoli consiglieri all’interno della maggioranza.. il mio rammarico è profondo.. la cittadinanza ha fortemente creduto in noi ed oggi sono giustamente delusi dai nostri atteggiamenti irresponsabili… quello riportato da alcuni giornali lascia il tempo che trova.. qualcuno ha anche ipotizzato sulle mie dimissioni e di eventuali minacce intimidatorie.. tutte frottole, per riempire una pagina di giornale oppure per esibire un articolo di stampa più colorito.. Oggi sono fermo sulle mie posizioni.. so anche che lasciare adesso potrebbe creare alla mia Città delle enormi difficoltà.. E questa è l’ultima cosa che vorrei..              Le dimissioni saranno confermate se non sono convinto di poter continuare ad amministrare con serietà e serenità e con la collaborazione di tutti i componenti della maggioranza. Oggi è giusto dire basta.. Castelvolturno non merita tutto questo.. Preferisco riflettere sul mio e di conseguenza sul futuro della Città.. anche per questo non ho rilasciato nessuna dichiarazione...”

Luigi Petrella

Rispettando il suo pensiero, questa è stata la mia risposta: “Continuare per inerzia è inutile…agisci con coscienza e lucidità… e fai la scelta che riterrai più giusta, ma che ti consenta di amministrare. In bocca al lupo.”

Tommaso Morlando 

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità