il Sindaco de Magistris a New York, incontrerà Bill De Blasio

luigi-de-magistrisUna missione istituzionale quella che dal 3 al 9 giugno vedrà impegnato il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris a New York.

​ Fitta l’agenda di appuntamenti,  tra i più significativi la conferenza su emigrazione Napoli – New York: Città a confronto, moderata da Anthony Tamburri,preside del John D.Calandra Italian American Institute, istituto che opera per sensibilizzare, promuovere ed approfondire la conoscenza della cultura e del patrimonio della comunità italo-americana.

L’incontro, di cui il Sindaco é l’ospite d’onore, sarà dedicato al tema dell’immigrazione e dell’emigrazione,confrontando le esperienze di due città, Napoli e New York City che hanno nella

loro storia e tra le priorità, politiche di integrazione locale.

De Magistris visiterà anche la Casa Italiana Zerilli-Marimò, Dipartimento degli Studi Italianistici dell’Università di New York, che rappresenta, da quasi 25 anni, uno dei centri per la promozione e diffusione della cultura italiana più attivi negli Stati Uniti. Proprio nell’ambito della rassegna “Eppur si muove”, organizzata dalla Casa Italiana, il Sindaco sarà protagonista di un incontro dedicato a Napoli dal titolo:Città in movimento: Napoli si riscopre.

Sará  questa l’occasione per illustrare  le buone pratiche messe in campo in ambito sociale, turistico e culturale nella città.

La visita ufficiale di de Magistris prevede un incontro con Bill De Blasio, Sindaco di New York, ricambiando così la visita a Napoli dello scorso 23 luglio; ma anche con il Console Generale Italiano di New York e Direttore dell’Istituto di Cultura Italiana ad interim Natalia Quintavalle, con il Direttore dell’ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo – Eugenio Magnani, con il Direttore dell’ ICE, l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, Maurizio Forte , con il Rappresentante dell’Italia alle Nazioni Unite, l’Ambasciatore, Sebastiano Cardi. Con quest’ultimo il Sindaco intende porre l’attenzione sulle attività della città per sostenere le politiche dell’inclusione nel Mediterraneo e sul ruolo strategico che puó avere Napoli, da sempre Città di Pace.

E’ prevista inoltre la partecipazione di de Magistris al World Cities Summit, dal titolo “Innovative Cities of  Opportunity”, un forum internazionale rivolto ai Sindaci delle grandi città del mondo per discutere dei cambiamenti e delle sfide che le città devono affrontare in tema di mobilità sostenibile, competitività ed educazione, sviluppo urbano e qualità della vita.

A New York, per il Sindaco, ci sarà anche un momento dedicato alla pizza quando parteciperà ad Eataly alla presentazione ai mass media, ai tour operator ed alle agenzie di viaggio del Nord America, della quinta edizione del “Napoli Pizza Village” che si svolgerà a Napoli dal 1 al 6 settembre 2015.

Invitato quale relatore, il primo cittadino  coglierà l’occasione ​per presentare la  programmazione turistico-culturale della Città e progetti in fieri volti a rendere ancor di più Napoli meta favorita dei flussi  turistici in arrivo dal continente americano.

Altri momenti significativi dell’intenso programma americano del Sindaco de Magistris sono gli incontri a Little Italy Manhattan e Bronx insieme alla Federazione campana usa, con la comunità italo americana della “ Grande Mela”, con i rappresentanti della Camera di  commercio  Italia – America e la partecipazione alla​ ​cerimonia di inaugurazione del festival del cinema italiano “Open​ ​Roads: New Italian Cinema 2015”.

Infine spazio anche per un incontro con gli studenti della Scuola d’Italia “G.Marconi” (alunne  ed alunni delle medie e del liceo), ad Ellis Island con la visita al Museo dell’Immigrazione e presso “La

Ribalta”, storica sede del Club Napoli e punto di ritrovo di molti giovani napoletani che vivono a New York.

Il rientro in sede del Sindaco è previsto il 10 giugno.

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista – Fonda il “Centro studi officina Volturno” nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE.
In un territorio “difficile” è convinto che attraverso la cultura e l’impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra.
Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico.
Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle “eccellenze” dei nostri territori che RESISTONO.
Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani…ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.