Il Papa bandisce la “frociaggine” dai seminari

Fabrizio Pennino 28/05/2024
Updated 2024/05/28 at 4:32 PM
4 Minuti per la lettura

Negli scorsi giorni hanno fatto molto discutere le dichiarazioni del papa sul mondo LGBT+, sebbene fossero circoscritte alle benedizioni dei matrimoni omosessuali. Tuttavia, il 27 maggio ha dichiarato di non voler più ammettere gli omosessuali nei seminari, riferendosi alla condizione di “frociaggine”: il papa bandisce così la frociaggine dai seminari.

L’apparente apertura di Papa Francesco

Del tema si era già ampiamente discusso in passato, infatti, l’accesso ai seminari degli omosessuali era accettato e non era presente nessun divieto prima di questa dichiarazione. Il Papa stesso era stato avveniristico nell’aprile del 2023 tramite la realizzazione di un documentario chiamato “a faccia a faccia con il Papa”.

In questo documentario, uscito su Disney+, erano presenti 10 giovani, cattolici, musulmani e atei, che avevano il compito di porgli delle domande circa temi attuali. In tale occasione, Celia, una persona non binaria, chiese al capo della chiesa se ci fosse spazio per persone trans, non binarie o della comunità LGBT+ in generale. Egli rispose che Dio è un padre che accoglie e che non aveva alcun diritto di cacciare nessuno della chiesa.

Dunque, nemmeno un anno fa sosteneva che la chiesa non può in alcun caso chiudere la porte a nessuno e che il compito è quello di accogliere e includere. Sosteneva che i sacerdoti che perpetuano azioni omofobe tramite la mistificazione della bibbia rappresentano degli “infiltrati“.

Il Papa bandisce la “frociaggine”

Tuttavia, Francesco nell’incontro a porte chiuse in occasione dell’assemblea generale della Cei, ovvero la conferenza episcopale italiana, ha attaccato l’ingresso degli omosessuali nei seminari. Sembra che il Papa abbia deciso di chiudere la chiesa al mondo LGBT per evitare che l’omosessuale che sceglie il sacerdozio finisca per fare una doppia vita.

Infine, il capo della chiesa, per rendere ancora più chiaro il suo parere, è stato anche protagonista di una battuta esplicitando la parola “frociaggine“.

Le reazioni

La leader storica del movimento Lgbt Italia, Imma Battaglia, si è mostrata estremamente delusa: «Sono rimasta senza parole perché per quanto questo Papa sia popolare mi lascia delusa e offesa. La scelta di seguire un’ispirazione teologica deve anche seguire regole che dovrebbero essere uguali per tutti. Se si sceglie quella strada c’è il celibato, l’astensione dalla sessualità, che vale tanto per gli eterosessuali che per gli omosessuali.»

La sala stampa del Vaticano, nella tarda mattinata del 28 maggio, dopo i vari articoli sul web, ha commentato che «Papa Francesco è al corrente degli articoli usciti di recente circa una conversazione, a porte chiuse, con i vescovi della CEI. Come ha avuto modo di affermare in più occasioni nella Chiesa c’è spazio per tutti, per tutti! Nessuno è inutile, nessuno è superfluo, c’è spazio per tutti.» Dunque, al Vaticano sostengono che il capo della chiesa non intendeva offendere nessuno e non intendeva esprimersi in termini omofobi. Infine, rivolge le scuse a chiunque si possa essere offeso e alla comunità LGBT+.

TAGGED: , ,
Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *