Raccogliamo e diffondiamo con piacere una nota inoltrataci dal Prof. Giuseppe Toscano, il quale, in questi ultimi giorni di maggio, ha fatto da guida agli studenti deII’Istituto Comprensivo Campo Falerno di Carinola, illustrando loro le meraviglie del Monte Massico, nell’ambito del Progetto di educazione alla legalità ambientale.

Il Prof. Toscano sul Monte Massico (foto di Teresa Lanna)

I ragazzi dell’Istituto Comprensivo Campo Falerno di Carinola, circa 190 alunni delle classi prime e seconde medie, accompagnati dai loro insegnanti, sono saliti, in questi giorni, sulle prime propaggini di Monte Massico in località Castelluccio per visitare il sito di una antica villa romana fortificata.

I ragazzi hanno constatato con i propri occhi ciò che studiano a scuola. La loro montagna, Monte Massico, è un libro di storia da aprire spesso per scoprire le sue bellezze ambientali ed il fascino che i resti di costruzioni romane, ancora abbandonate, emanano facendo sognare un mondo passato che, forse, se ne dubitava l’esistenza.

Resti di Ville romane (foto di Teresa Lanna)

Pur tra i rovi e la boscaglia, i ragazzi hanno ammirato con entusiasmo i resti delle mura ancora intatte della villa fortificata, le grotte sottostanti in cui venivano conservate le anfore di vino Falernum e pezzi di mosaico che ancora resistono alle intemperie ed all’abbandono.

Resti di antichi mosaici (foto di Teresa Lanna)

Gli studenti hanno posto varie domande a me e a Mariano Croce sulla natura della montagna e sul perché quello ed altri insediamenti fossero difficili da raggiungere a causa dell’attuale mancanza di sicurezza di accesso di stradine e viottoli.
La macchia mediterranea che copre l’intera montagna con le sue piante, le sue infiorescenze di tarda primavera ed i profumi dei fiori di campo del sottobosco, hanno attirato l’attenzione di tutti. La cosa più bella è stata constatare che i ragazzi, nel rispetto di questa grande ed affascinante bellezza, hanno, con attenzione, evitato di violare questi luoghi ancora incontaminati, gettandovi rifiuti.

Tra i fiori del Monte Massico (foto di Teresa Lanna)

Hanno, inoltre, visitato un vigneto dove si produce vino biologico ed hanno ascoltato la storia del vino Falernum da un agricoltore presente durante la loro visita.

Un vigneto biologico sul Monte Massico (foto di Teresa Lanna)

Si è camminato a lungo; la stanchezza si è fatta sentire, ma questi ragazzi sono scesi da Monte Massico raggianti e felici per aver visto i segni della storia del proprio territorio e per aver trascorso la mattinata in luoghi magici ed incontaminati.
Plauso di questa iniziativa va alla Dirigenza scolastica ed a tutto il corpo docente dell’Istituto Comprensivo Campo Falerno per aver scelto un momento didattico di alto profilo ed importante per la conoscenza e la conservazione del territorio.
Un progetto che va incoraggiato per rinsaldare la conoscenza di una terra che era ed è il cuore pulsante della Campania Felix.

di Teresa Lanna

Print Friendly, PDF & Email