Il M5S del litorale si mobilita per i ponti pericolanti

Ieri 16 Settembre si è tenuto a Castel Volturno l’incontro organizzato dagli attivisti del M5S per far luce ancora una volta sulla chiusura dei ponti di Castel Volturno e Lago Patria.

L’incontro ha visto la presenza del viceministro Cancellieri, del senatore Santillo, della deputata al parlamento On. Del Sesto, del deputato al Parlamento Buompane, la candidata alle Regionali Dott.ssa Costanzo, ed infine del consigliere regionale Viglione, invitati dal M5S del litorale a vedere da vicino la situazione al fine di sensibilizzare gli organi dello stato ad un intervento concreto.
«Questo Comune, con questa amministrazione, ha dimostrato di non essere in grado di risolvere affrontando in modo radicale il grave problema dei ponti interrotti. Con “pannicelli caldi” e tanto fumo negli occhi ai residenti e temporeggiamenti vari, vorrebbero sistemare alla meno peggio i due viadotti» ha dichiarato il consigliere comunale Guido Schiavulli, che ha così continuato sui suoi canali social: «Sia ben chiaro, non vogliamo sostituirci a nessuno, come altre volte vogliamo dare una mano per fare meglio e presto… L’interruzione del ponte del Lago Patria, oltre a dividere la popolazione, in circa due anni ha determinato la chiusura di tante aziende e per contro l’incremento della prostituzione e nuove vie di fuga per spacciatori e delinquenti. La chiusura del ponte sul Volturno ha isolato un’intera popolazione lasciandola senza i servizi più basilari. Un problema, ancor prima che strutturale, è sociale, che si aggiunge all’enorme quantità di immigrati irregolari che per la maggioranza abitano in quella parte del territorio. E’ necessario operare con urgenza ad evitare che in questi territori si stabilisca un ordine subordinato alla legge del più forte».
Queste le dichiarazioni del consigliere.
Print Friendly, PDF & Email