2022 anno caldo

Il 2022 è stato l’anno più caldo di sempre

Cristina Siciliano 13/01/2023
Updated 2023/01/13 at 11:50 AM
3 Minuti per la lettura

I dati mese per mese lo avevano già segnalato: il 2022 è stato l’anno più caldo di sempre. A dimostrarlo è il rapporto annuale C3S Global Climate 2022, basato sui dati rilevati dal sistema satellitare Copernicus dell’Unione Europea.

Il 2022 è stato l’anno più caldo di sempre

Per tutto l’anno, la temperatura media è stata di 0,3°C superiore a quella del periodo 1991-2020 e di 1,2° superiore a quella del periodo 1850-1900, comunemente usato come riferimento dell’era preindustriale.

In relazione al periodo compreso tra il 1991 e il 2020, il trentennio da usare per fare confronti di climatologia secondo le indicazioni dell’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO), la temperatura media è stata superiore di 1,15 °C.

Il 2022 è stato l’ottavo anno consecutivo con temperature superiori di oltre 1°C ai livelli preindustriali. Gli scienziati hanno infatti avvertito che per evitare di raggiungere il punto di non ritorno, il riscaldamento globale in questo secolo dovrà essere limitato a 1,5°C rispetto ai valori preindustriali.

Gli anni più caldi prima del 2022

Prima del 2022, secondo l’analisi del C3S, gli anni più caldi sono stati il 2015, il 2016, 2019 e il 2020. L’analisi osserva che queste misure possono differire da quelle di altri organismi internazionali.

Il 2022 è stato un anno di estremi climatici in tutto il mondo. Le regioni che hanno registrato l’anno più caldo in assoluto includono gran parte dell’Europa occidentale, il Medio Oriente, l’Asia centrale, la Cina, la Corea del Sud, la Nuova Zelanda, l’Africa nordoccidentale e il Corno d’Africa.

Le concentrazioni di CO2 atmosferica sono aumentate di circa 2,1 parti per milione (ppm), un tasso simile a quello degli ultimi anni. Invece, le concentrazioni di metano sono aumentate di circa 12 parti per miliardo (ppb), un tasso superiore alla media ma inferiore ai massimi storici degli ultimi due anni.

Eventi climatici estremi nel mondo

Nelle regioni tropicali e subtropicali, le temperature estremamente elevate in Pakistan e nell’India settentrionale hanno portato a prolungate ondate di calore primaverili e a picchi massimi e minimi record.

Anche la Cina centrale e orientale ha sperimentato un’ondata di calore prolungata, con conseguente siccità durante l’estate. Il Pakistan ha registrato precipitazioni record nei mesi di luglio e agosto, causando inondazioni in molte zone del Paese.

TAGGED: ,
Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *