informareonline-ICANN-non-escluderà-Russia-Internet

ICANN, rifiutata la richiesta di esclusione della Russia da Internet

Ilaria Ainora 09/03/2022
Updated 2022/03/09 at 11:58 AM
2 Minuti per la lettura

L’ICANN non revocherà i domini internet russi risposta all’invasione in Ucraina.

La decisione dell’ICANN

L’Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (ICANN) ha rifiutato la richiesta di esclusione della Russia da Internet come risposta all’invasione in Ucraina. L’Icann è l’organizzazione che si occupa della gestione delle attività necessarie al funzionamento di Internet e del World Wide Web. La richiesta di estromissione della Russia era pervenuta direttamente dalle autorità ucraine. Era stata presentata il 28 febbraio dal vice primo ministro Mykhailo Fedorov.

L’ente si è così espresso motivando le ragioni della sua decisione: La nostra missione è mantenere la neutralità e agire a sostegno di Internet globale. Non consiste nell’adozione di azioni punitive, di sanzioni o alla limitazione dell’accesso a segmenti di Internet, indipendentemente dalle provocazioni”.

Cosa avevano chiesto le autorità ucraine

Le autorità ucraine avevano chiesto all’Icann di procedere con la revoca dei domini di primo livello nazione “.ru”, compresi gli equivalenti in cirillico “.рф”. Nella richiesta di sanzione anche la revoca dei certificati che consentono di creare connessioni sicure tra i siti e i computer e la disattivazione del sistema Dns che si occupa di smistare il traffico.

Tuttavia la dichiarata neutralità dell’Icann potrebbe non essere sufficiente ad impedire L’estromissione della Russia dalla connessione globale. Si tratterebbe più di una autoesclusione che di una vera e propria espulsione dal sistema. È di pochi giorni fa la notizia che il Cremlino stia provvedendo ad assicurarsi una connessione indipendente ai servizi di rete attraverso un sistema intranet. Questa soluzione si sarebbe rivelata necessaria alla luce dei continui attacchi hacker patiti dalle autorità russe. Tramite una connessione autonoma si potrebbe dunque innalzare il livello di sicurezza informatica.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *