I “Dire Straits Legacy” infiammano l’Augusteo con la prima tappa del tour “4U”

Gennaro Alvino 24/11/2023
Updated 2023/11/24 at 10:21 AM
5 Minuti per la lettura

Come su d’un treno che pare voglia andare lontano, ci ritroviamo ancora una volta lì: ad un solo palmo dal cuore. Nelle più lontane e deserte destinazioni che non fanno altro che riportarci a casa. Accade allora che una fredda serata di novembre assai tempestata dal vento si trasformi in un’occasione per tornare a casa, lì dove tanto forte è battuto il cuore.

A quando la vita pareva esser più leggera e di tante promesse ancora si sporcava la bocca. Mercoledì 22 Novembre arrivano a Napoli i “Dire Straits Legacy” per la loro prima tappa di un tour tutto italiano dal titolo “4U”. “For you” è la dedica speciale per i fans della originale formazione capitanata dal leggendario Mark Knopfler; negli ultimi mesi però la dedica è diventata soprattutto per Riccardo Locatelli, storico manager della band recentemente scomparso.

Chi sono i “Dire Straits Legacy”

I “Dire Straits Legacy” sono una speciale concept band composta da eccellenti personaggi della musica che hanno nel corso della loro storia incrociato la strada dei “Dire Straits”. Alle tastiere c’è Alan Clark, già membro della formazione originale, mentre la chitattara ritmica è affidata alla esperta ed abile mano di Phil Palmer, con in passato esperienza di tournista al fianco di Knopfler.

La storia recente e passata dei Dire Straits continua poi ad incrociarsi con la partecipazione Mel Collins al sassofono e Danny Cummings alle percussioni. Completano la formazione tre musicisti “Made in Italy” come Primiano Di Biase alle tastiere, il batterista Alex Polifrone ed infine il frontman Marco Caviglia.

Voce e chitarra della band, l’artista italiano è stato eletto dagli storici compagni di viaggio di Knopfler come suo degno ed abilissimo interprete.

L’esibizione

Un gremito Teatro Augusteo resterà di certo una importante cartolina da imprimere nella storia dei Dire Straits Legacy che inaugurano il proprio tour “4U” nel migliore dei modi. Il pubblico napoletano accoglie di certo con grande calore la band capace di far rivivere agli spettatori quel tremulo brivido sfrenato di gioventù che mancava dai loro occhi da forse troppi anni.

“Private Invastigation” apre le danze e Marco Caviglia si mette subito in proprio con la chitarra non sfigurando davanti ad un mostro sacro come Phil Palmer. In una atmosfera da Chicago Outfit, il ritmo, perfettamente gestito da Polifrone, è ancora assai contenuto. Gli animi si accendono subito dopo con “Expresso Love”.

Calda, dinamica e sensuale: il brano contenuto in “Making Movies” sarà solo il preludio di una lunga serata di musica d’altri tempi. Musica che oggi, purtroppo, manca davvero tanto. Lo show procede indisturbato finché la scaletta non impone quello che è probabilmente il più poetico e sublime brano dei Dire Straits: “Romeo and Juliet”.

Nonostante il suo immenso talento, Caviglia non riesce in quest’occasione a restituire lo stesso trasporto emotivo di Mark Knopfler facendosi però di certo perdonare con un fenomenale assolo finale in compagnia di Palmer. Sul finale sale in cattedra il fiato di Mel Collins che regala tangibili momenti di dolce e sentita “sofferenza” di cui avevamo bisogno.

Poco dopo il palco si infiamma con leggendari brani come “Walk of Life”, “Sultain of Swing” ed infine “Money for Nothing” che hanno letteralmente scatenato il non giovanissimo pubblico che si è prontamente alzato per dimenarsi e ballare freneticamente a tempo con i chitarristi.

Dopo questa euforica esibizione è il momento di ricompattarsi ed il frontman, Marco Caviglia, ci tiene a fare una speciale dedica a Pino Daniele, personaggio legato indissolubilmente alla città di Napoli e che ha nel corso della sua carriera collaborato con molti degli artisti presenti sul palco.

Corale è infine il momento dei saluti con uno spettacolare congedo accompagnato dalla forte voce del pubblico sotto le note della leggendaria “So Far Away”.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *