Harmoney

Harmoney: app per l’educazione finanziaria della Gen Z

Ludovica Palumbo 16/04/2024
Updated 2024/04/16 at 12:33 AM
4 Minuti per la lettura

Quante volte ci è capitato di preoccuparci su come gestire i nostri risparmi, a chi affidarli, come investirli. Proprio di fronte a tanti interrogativi e poche risposte, emerge la nuova realtà di Harmoney, un’applicazione interamente dedicata all’educazione finanziaria per la generazione Z, uno strumento per andare incontro ai giovani sfruttando il mezzo a loro più vicino, il cellulare. Vediamo assieme da dove nasce quest’idea e soprattutto come funziona.

Harmoney, l’idea di un giovane per i giovani

Chi se non un componente della generazione Z poteva teorizzare una simile idea? E sì, parliamo del giovanissimo Emanuele Sacco, studente di fisica all’Università degli Studi di Milano e delegato italiano Youth7, gruppo ufficiale di impegno giovanile del G7, insignito anche dell’onore di essere Alfiere della Repubblica Italiana. Accanto a lui altri giovanissimi: Alin Tomulet, studente di Data Science dell’UNIMIB; Pietro Cappellini, studente di Design alla NABA e già Alfiere della Repubblica; e Luigi Masini, studente di ingegneria fisica del POLIMI. Tutti assieme hanno concorso (e vinto) all’Aurora Fellows, un project for impact che “mira a dare la possibilità agli under 25 di mettersi in gioco e sviluppare competenze trasversali, spronando a tirare fuori la propria creatività, lo spirito di iniziativa e l’imprenditorialità”.

Nata nel 2019, Aurora rappresenta una realtà in cui giovani possono unire formazione, sperimentazione e soprattutto fare dell’incontro con altri ragazzi un vero e proprio punto di crescita e di collaborazione. Ma cosa ha spinto il team a puntare su un’app il cui scopo è l’educazione finanziaria? In un Paese come l’Italia, che si è sempre contraddistinta per avere un livello di educazione finanziaria storicamente più basso rispetto alla media degli altri paesi dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo sviluppo economici, forse era anche l’ora di preoccuparsi della tematica.

«L’educazione finanziaria è una tematica che riguarda tutti prima o poi nel corso della vita e la scarsità di conoscenza che c’è nel paese è profonda. Ritengo che affrontare questo problema e promuovere una maggiore consapevolezza e comprensione finanziaria tra i giovani sia cruciale. Cercavamo una soluzione che parlasse la nostra lingua, proprio per questo Harmoney racchiude in sé gli aspetti che caratterizzano la nostra generazione: innovazione tecnologica, apprendimento personalizzato e applicazione pratica oltre alla conoscenza teorica», queste le parole di Sacco.

Harmoney, come funziona

Un’applicazione disponibile per iOS e Android nata sì per i giovani ma con l’obiettivo di espandersi progressivamente coinvolgendo un “pubblico” sempre più ampio nell’educazione ad una gestione oculata delle proprie risorse economiche.

Il tutto attraverso veri e propri corsi di formazione sul tema. L’app infatti si compone di diversi moduli con lezioni della durata di circa 1 minuto che, oltre a fornire basi teoriche, sono dedicate per l’80% alla formazione pratica a cui seguono al termine dei feedback. Un percorso fatto di step in cui la difficoltà cresce progressivamente e che punta anche alla “personalizzazione” dei suoi contenuti per avvicinarli il più possibile all’utente che ne usufruisce.

TAGGED:
Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *