Informareonline-halston

Halston: flop per la miniserie Netflix

Chiara Del Prete 24/05/2021
Updated 2021/05/24 at 1:17 PM
2 Minuti per la lettura

Disponibile in streaming dal 14 maggio, la serie Netflix Halston si aggiudica per merito il premio delusione

La miniserie dedicata allo stilista americano Roy Halston, in cinque episodi da quasi 1 ora ciascuno, non è bastata a specchiare il modista ma bensì l’uomo. Che fosse geniale nel suo campo tutti concordi, eppure Ryan Murphy, co-produttore, ha incentrato l’intera storia su ben altro. Il successo dà alla testa? La serie Halston non ha come focus la moda ma il decadimento interiore e professionale del suo protagonista.

Esordisce da cappellaio, è suo il pillbox hat indossato da Jackie Kennedy nel giorno dell’inaugurazione alla presidenza nel 1961. Inventore dell’Ultrasuede, un tessuto simile al camoscio ma idrorepellente. Nel 1973 insieme ai colleghi Anne Klein, Oscar de la Renta, Bill Blass e Stephen Burrows sfidò a colpi di passerella Hubert de Givenchy, Pierre Cardin, Yves Saint Laurent, Mark Bohan per Christian Dior ed Emanuel Ungaro. Vittoria fu per la moda americana contro quella francese, un successo noto come “Battaglia di Versailles”.

Tra le tante amicizie importanti va ricordata quella con Liza Minelli e con la designer di Tiffany Elsa Peretti, entrambe sue muse. Un rapporto talmente speciale da esser ribattezzate Halstonettes. Da lui furono vestite celebrities quali Bianca Jagger, Cher e Anjelica Huston. Tra sfrenate serate passate allo Studio 54 molteplici sono stati gli incontri, significativo quello con Tom Ford, l’adepto che ispirerà stilisticamente.

Gli eccessi di droghe, alcool e sesso misti a scelte commerciali azzardate hanno segnato la sua fine. In seguito alla sua morte, avvenuta per AIDS nel 1990, la casa di moda Halston ha vacillato. Oggi, seppur ancora in piedi, non suscita più quella desiderabilità indiscussa da assicurarsi una posizione tra i marchi acclamati. Mediante la piattaforma Netflix il ricordo di uno dei fautori e creatori dello stile americano è stato riesumato seppur dalla prospettiva peggiore.

di Chiara Del Prete

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *