Gusto Italiano conquista Caserta

29
informareonline-gusto-italiano

 Gusto Italiano: conclusa ieri la manifestazione a Caserta

«Promuovere e valorizzare i prodotti tipici locali dal fronte delle imprese, degli artigiani e delle associazioni di categoria significa affiancare con azioni concrete l’attività di enti e istituzioni che lavorano quotidianamente per la qualità e la tutela di ciò che arriva ogni giorno sulle nostre tavole». Così il sindaco di Caserta Carlo Marino commenta l’evento Gusto Italiano, la manifestazione iniziata venerdì  e terminato domenica 2 giugno. In questi tre giorni piazza Gramsci, angolo viale Douhet, si è trasformata in un “salotto del gusto” proprio vicino alla maestosa Reggia di Caserta.

Gusto Italiano è dedicata alla promozione e alla valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche, agli artigiani e ai produttori di qualità, alle tipicità del territorio campano e delle altre regioni italiane, alle materie prime locali. Sono tante le specialità proposte dagli artigiani agroalimentari coinvolti nell’iniziativa organizzata dal Movimento Turismo del Cioccolato e delle Eccellenze Italiane. 

Nell’ultima giornata si è assistito all’ultimo show cooking a cura dell’Istituto Professionale Alberghiero “Luigi Veronelli” di San Prisco. Protagonista la crostata alla frutta a chilometro zero. Gli studenti l’hanno presentata spiegando i metodi di lavorazione e le materie prime utilizzate.

La mozzarella di bufala casertana, la nocciola di Giffoni Igp, la liquirizia calabra, i liquori artigianali calabresi, i dolci siciliani.

Queste solo alcune delle specialità regionali che è stato possibile trovare, assaggiare ed acquistare a Gusto Italiano. Non sono mancati inoltre, il pistacchio di Bronte, i taralli tipici pugliesi, i salumi e formaggi di Amatrice e di Norcia, l’olio delle colline del Tanagro e i prodotti cilentani.

L’evento mette in risalto le realtà e le tipicità locali, le novità del settore alimentare, il tutto accompagnato da approfondimento e conoscenza sui temi legati alla nutrizione e alle metodologie di lavorazione dei prodotti, alla degustazione.

Print Friendly, PDF & Email