Pubblicità

Quindicesima pole in carriera, le stesse di Felipe Massa; Ottava prima fila consecutiva, eguagliando il leggendario Michael Schumacher. Questi sono i numeri di Charles Leclerc per questa giornata della Pole sul circuito cittadino di Baku. Una saetta velocissima la Rossa numero 16, che si lascia tutti alle spalle dimostrando il suo incredibile talento.

Q1, inizia il botta e risposta tra Ferrari e RedBull

Lasciando alle spalle le polemiche e le strategie sbagliate dal muretto box, la Ferrari è scesa in pista a Baku con il solo intento di riscattarsi. Studiando le curve insidiose del circuito cittadino, sin dalla prima sessione di qualifiche di questo pomeriggio, è iniziato il botta e risposta, in termini di tempi, tra i ferraristi e i piloti RedBull. Questi ultimi, nonostante i problemi palesati al DRS nella sessione si prove libere di questa mattina, hanno girato veloce nel Q1 riscaldando i motori e facendosi trovare pronti a battagliare per la conquista della pole position.

Pubblicità

Una probabile amara anticipazione di quel che potrebbe succedere nel Gran Premio di domani è stata servita da Lance Stroll. Il pilota dell’Aston Martin è finito ben due volte a muro, la seconda distruggendo la monoposto e invocando la Safety Car. Lui, infatti, tra i primi esclusi dal Q2 insieme a Magnussen, Albon, il solito Latifi e sorprendentemente anche il giovane Mick Schumacher. Questa la prima volta, quest’anno, che il giovane figlio d’arte si trova fermo ai box dopo il Q1.

Q2, niente da fare per le McLaren

Più che un mondiale di Formula 1 quello al quale stanno assistendo i tifosi della McLaren son delle continue montagne russe tra prestazioni deludenti e accenni di ripresa. Lando Norris e Daniel Ricciardo sembrano avere veramente poco feeling con le nuove monoposto, trovandosi entrambi esclusi dal Q3. Nonostante il pilota britannico si sia dimostrato più volte capace di ottenere risultati soddisfacenti, conquistando anche il podio nel GP di Imola, le cose non sembrano girare nel modo giusto per il team inglese. Le voci di corridoio che parlano poi di un’esclusione, alla scadenza del contratto, di Daniel Ricciardo sicuramente non aiutano le prestazioni dell’australiano. È dunque tempo per i due piloti d’arancio vestiti di trovare continuità e risultati positivi. Il mondiale è lungo, ma anche il distacco da chi è in vetta alla classifica. A far loro compagnia tra gli esclusi del Q3 son stati Ocon, Zhou e Valtteri Bottas.

Q3, Leclerc re del sabato

Ancora una volta, dunque, è Charles Leclerc a confermarsi re del sabato. Il giro secco è un asso nella manica importantissimo per il pilota monegasco che lo rende capace di precedere, dopo qualche muro sfiorato e dopo aver domato il fastidioso porpoising della sua monoposto, un sempre più agguerrito Checo Perez, il Campione del mondo in carica, Max Verstappen e il compagno di scuderia, Carlos Sainz.

“La delusione di Montecarlo è alle spalle, sono entusiasta e molto fiducioso per la gara. Il mio giro è stato molto bello, vicino alla perfezione. Sinceramente non mi aspettavo la pole, pensavo che la Red Bull a Baku fosse più forte di noi. Sono molto contento, la macchina è estremamente guidabile. Stavolta non falliremo.” Queste le parole del Pole Man.

Max Verstappen e Sergio Perez, di contro, hanno rassicurato il muro di tifosi RedBull palesando un problema al motore negli ultimi giri causa per la quale le monoposto hanno perso decimi in pista. “Nel giro secco ci manca qualcosa, ma in gara siamo ancora i migliori” ha infatti dichiarato il numero 1 della RedBull.

Ancora una volta invece Sainz è stato così vicino alla pole tanto da sentirla già comodamente in tasca e, ancora una volta, è stato tempo per lui di accomodarsi in seconda fila sulla griglia di partenza per il Gran Premio della domenica. “Oggi sono andato troppo oltre per cercare il limite, ero fino a quel punto in lotta per la pole. Penso che potevamo fare 1-2, mi dispiace per questo ma sono più contento con la macchina. Riesco a guidarla meglio e a capire cosa fare. Ci riproverò alla prossima.”

La griglia di partenza di domani

Con i semafori pronti a spegnersi alle 13 in punto sul circuito di Baku, a completare la top 10 alle spalle di Leclerc, Perez, Verstappen e Sainz ci sono Russell, Gasly, Hamilton, Tsunoda, Vettel e Ferdando Alonso.

Pubblicità