Spider-man: Across the Spider-Verse

Gli Emirati Arabi Uniti censurano il nuovo film “Spider-man: Across the Spider-Verse”

Gennaro Alvino 20/06/2023
Updated 2023/06/20 at 10:51 AM
3 Minuti per la lettura

Il nuovo capitolo della saga animata dell’uomo-ragno ha recentemente strappato incredibili consensi: il lungometraggio di “Spider-man: Across the Spider-Verse“, uscito nelle sale italiane il primo giugno 2023, ha confermato l’incredibile successo riscosso già dal suo predecessore “Spider-man: un nuovo universo” nel 2018.

La nuova saga del giovane supereroe newyorchese ha di certo rivoluzionato il mondo dell’animazione ibridando il mondo della CGI con l’estetica 2D trasportandoci in una nuova dimensione cinematografica dal forte carattere fumettistico. La nuova perla che vede protagonisti Miles Morales e Gwen Stacy è stata però recentemente censurata negli Emirati Arabi Uniti a pochissimi giorni dal lancio ufficiale, inizialmente programmato per il 22 Giugno 2023.

Spider-man: Across the Spider-Verse, perché censurarlo?

Sebbene non sia ancora stato diramato un cominciato con le motivazioni ufficiali di tale scelta, è facile pensare che alla base di questa decisione ci sia la presenza all’interno della pellicola diretta da Joaquim Dos Santos, Kemp Powers e Justin K. Thompson di alcuni messaggi pro alla comunità LGBTQIA+. All’interno del lungometraggio è infatti possibile notare come all’interno della camera di Gwen Stacy ci sia un poster caratterizzato da una bandiera dalle strisce celesti, bianche e rosa, simbolo della comunità transgender.

Inequivocabile è poi ciò che si legge sul poster: “Protect Trans Kids” (proteggi i bambini trans), che ha tra l’altro portato alcuni fan ad ipotizzare che il personaggio della Gwen proveniente da Terra-65 sia in realtà una ragazza trans. Un messaggio del genere non sarebbe di certo consentito negli Emirati Arabi Uniti dove, ricordiamo, l’omosessualità è ancora un reato che prevede in alcuni casi addirittura la pena di morte.

Negli ultimi giorni sono inoltre arrivate le parole dell’UAE National Media Council, l’autorità di controllo del paese, che, pur non riferendosi esplicitamente a “Spider-man: Across the Spider-Verse”, ha dichiarato: “Non permetteremo la circolazione o la pubblicazione di contenuti contrari ai valori e ai principi degli Emirati Arabi Uniti e degli standard dei media in vigore nel paese”.

Censura negli Emirati Arabi Uniti

La decisione di bloccare l’uscita del nuovo capitolo di Spiderman ha di certo creato scalpore soprattutto in seguito alla recente decisione degli Emirati Arabi Uniti di allentare la presa in materia di censura arrivata proprio nel Dicembre del 2021. In tale occasione l’Ufficio di regolamentazione dei media locale ha annunciato che sarà abolita qualsiasi forma di censura per quanto riguarda i film internazionali che saranno però fruibili soltanto ad un pubblico maggiore di 21 anni.

Nonostante ciò l’enorme successo che il supereroe “arrampicamuri” riscontra fra il più giovane pubblico ha comunque portato le autorità locali ad intervenire per bloccare la distribuzione della pellicola all’interno del paese.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *