Giugliano- Cineforum Movimento Polis “Non restiamo a guardare”

Giugliano- ” Non restiamo a guardare”, Cineforum movimento Polis fb_img_1474392274837 fb_img_1474546934156

Questa sera,  via alla seconda serata in piazza Matteotti del cineforum in piazza dal titolo ” Non restiamo a guardare”, organizzato dal movimento Polis che è giunto alla sua seconda edizione.
Il tema della serata sarà l’ immigrazione: “Tema piuttosto spinoso ma che vale la pena affrontare sotto vari aspetti soprattutto in una stagione storica dove il razzismo, misto al populismo xenofobo alza muri e chiude le frontiere non rispettando il trattato di Schengen” così dichiarano gli organizzatori dell’evento.

Alle ore 19 inizierà il dibattito con illustri invitati come la docente del Dipartimento di Scienze Politiche “Jean Monnet” – SUN Francesca Canale Cama; la console del Consulado General de la República Bolivariana de Venezuela en Nápoles Amarilys Gutierrez Graffe; con il responsabile del dipartimento d’immigrazione della Cgil Campania Jamal Qaddorah; con il presidente della AFRO-NAPOLI UNITED Antonio Gargiulo e con il consigliere comunale di Napoli Luigi Felaco.

Alle ore 21 ci sarà la proiezione del film Fuocoammare, film che ha vinto il 66° orso d’oro, che rappresenta la vera capitale morale d’Europa: l’isola di Lampedusa.

Ad essere presenti in piazza con noi ci saranno anche diversi stand come quello di Legambiente, Unione degli Universitari, del Movimento lavoratori e disoccupati e Libera contro le mafie, presidio “Mena Morlando”.

A cura di Informare
Tommaso Morlando

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista – Fonda il “Centro studi officina Volturno” nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE.
In un territorio “difficile” è convinto che attraverso la cultura e l’impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra.
Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico.
Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle “eccellenze” dei nostri territori che RESISTONO.
Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani…ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.