Giovanni Fausto Piscitelli: tra giornalismo e diritto

152

Magazine Informare, sempre attento alle pubblicazioni che presentano una finalità didattica e al contempo ben inserite anche nel contesto socio – giuridico, ha intervistato Giovanni Fausto Piscitelli, avvocato e giornalista pubblicista che negli anni ’90 ha collaborato con “Il Mattino”, “Il Golfo”, il “Roma” e che ha ricoperto incarichi di dirigenza presso l’Amministrazione finanziaria della Campania con compiti di Direzione di Uffici, nonché attuale docente di Diritto Finanziario presso l’Università Telematica Pegaso. Abbiamo discusso con lui su determinati temi attraverso un’analisi professionale e anche di scrittore in materie giuridiche. La sua ultima fatica, dal titolo “Manuale di Economia e Tributi”, è edita da Olisterno Editore, pubblicato nel Maggio 2019.

Egregio Avvocato volevo chiederle un rapido excursus sulla lunga attività professionale che ha svolto durante la sua vita lavorativa…

«Ho incominciato molto giovane, a partire da Livorno quando assunsi l’incarico di Vice Direttore Ufficio IVA, svolgendo anche compiti ispettivi su tutto il territorio provinciale; erano tempi in cui non esisteva internet e tutto veniva svolto con materiale cartaceo. Certo, attualmente è tutto telematizzato e aldilà degli innumerevoli vantaggi che offre tale mezzo di comunicazione non posso non sottolineare un momento nostalgico, volendo fare una comparazione tra le due epoche: quella di ieri e quella di oggi. Non c’è dubbio che il futuro è quello che deve essere preso a modello mentre il passato può metterci nella condizione, attraverso l’esperienza maturata, di poter meglio affrontare il presente».

Sfogliando il suo curriculum vitae e studiorum, ho appreso che Lei è anche giornalista pubblicista. Le chiedo come vede l’attuale attività giornalistica su carta stampata rispetto a quella pubblicata attraverso internet?

«Beh, non v’è dubbio che trattasi di due mondi diversi. Oggi le notizie lanciate attraverso i network sono immediatamente fruibili in tutto il mondo ed in tempo reale; in passato questo era solo una fantasia, un’immaginazione. Volendo essere obiettivi occorre rilevare che tale modalità di giornalismo mondiale è un chiaro mezzo non solo di informazione ma anche di conoscenza di etnie diverse con i loro usi e costumi, bellezze naturali e paesaggistiche. Quindi non vi è dubbio che la cultura assume un ruolo molto importante di primo piano con ricadute positive sui saperi in ogni settore».

Ritornando alla sua attività di scrittore, mi ha colpito la scorrevolezza del suo libro che tratta di economia e tributi. Posso chiederle se lo status di giornalista ha influito sulla composizione del libro ad impronta giuridica?

«Certo, per la trattazione di argomenti giuridici occorre uno stile di scrittura che deve caratterizzare l’autore su come si scrive un elaborato. Il contenuto deve essere comprensibile e alla portata di ogni lettore, ma il tutto deve essere fatto con tanta passione che porta sicuramente al successo».

Mi ha colpito molto lo slogan “La buona economia: presupposto fondamentale per una sana crescita del Paese nel rispetto delle Istituzioni”

«Questo testo secondo me è un efficace strumento di consultazione per un primo approccio ad una materia economico – tributaria che vale la pena conoscere nei suoi aspetti generali ed elementari, per meglio orientare in questo grande e affascinante mondo dove ciascuno di noi, nel rispetto della Costituzione, deve fare il proprio dovere di cittadino – contribuente».

Ho avuto modo di leggere alcuni lavori di tesi di cui è stato Relatore in materia economico – tributaria. Come riesce a coniugare l’attività di avvocato e di docente universitario, e che consiglio può dare ad un giovane avvocato che da pochi anni si affaccia alla professione?

«La ringrazio per aver fatto questa domanda perché, come dicevo prima, dove c’è passione per le attività che quotidianamente si svolgono non c’è sacrificio ma l’augurio che tutto ciò che viene fatto possa essere di beneficio, specialmente per i giovani, ed allora dico che i giovani professionisti devono avere la forza di superare gli ostacoli e di considerare il sacrificio per il raggiungimento di alti traguardi che si propone di raggiungere senza mai arrendersi nei momenti di delusione».

Avvocato, La ringrazio per l’intervista e i consigli che ha rivolto tramite la mia persona ad un mondo giovane che vuole crescere e che, sono convintissimo, se si riflette sul contenuto di questa intervista potremmo arrivare molto avanti negli obiettivi, e nel superare le avversità e gli errori che si possono commettere nella vita. So che i Suoi interessi vanno oltre quanto scritto in questa intervista, ma sono certo che in ragione delle sue variegate attività non mancherà una prossima occasione, nella quale potremo continuare a parlare e a scrivere per il bene del nostro futuro.

 

di Salvatore Sardella

Print Friendly, PDF & Email