Durante la mattinata di ieri l’On. Giorgia Meloni è stata in visita al centro storico di Castel Volturno per ribadire il suo sostegno al candidato a sindaco di Fratelli D’Italia Luigi Umberto Petrella.

Subito dopo il comizio in piazza si è tenuto un incontro a porte chiuse presso la sala del sindaco all’interno del comune. Oltre ai candidati del centrodestra castellano erano presenti alcuni cittadini del territorio pronti a dare testimonianza delle realtà e dei problemi del territorio.

Tra questi anche Patty, la donna nigeriana che ha avuto la forza di denunciare due suoi connazionali che per anni l’hanno costretta a prostituirsi. Dopo quest’ultimo confronto abbiamo chiesto all’On. Giorgia Meloni quali sono per lei gli interventi necessari per garantire al territorio la possibilità di poter rialzare la testa e tornare ad una situazione di normalità:

«…Noi abbiamo fatto una proposta, che trasformeremo anche in emendamento se dovesse arrivare questo decreto sicurezza bis, da una parte prevede il sistema dell’esercito e del suo intervento a Castel Volturno, poi chiaramente in un quadro d’immigrazione che per me è anche abbastanza diverso da quello che sta facendo l’attuale governo perché ad esempio una cosa che il governo non ha fatto finora sono i centri sorvegliati che chiede l’Europa.

Quando arriva un immigrato clandestino è profugo fino a prova contraria mentre negli altri paesi è immigrato clandestino fino a prova contraria, quindi vengono normalmente controllati in centri chiusi finché non è stata evada la loro domanda.

È chiaro che qui se tu facessi questo sapresti dove mettere questa gente quando sgomberi le case da loro occupate irregolarmente togliendo un diritto ai cittadini, che rispettano le regole. C’è un quadro di immigrazione che va gestito, poi c’è la presenza dell’esercito che per me non è semplicemente strade sicure, cioè qui c’è bisogno di dichiarare guerra alla mafia nigeriana, e chiaramente anche a quella italiana.

Castel Volturno è un posto stupendo e rischia di diventare la capitale mondiale della Mafia Nigeriana , qui non è un caso che è arrivata l’FBI a fare verifiche e studi sul traffico di organi. Ho scritto anche un libro sulla mafia nigeriana proprio per denunciare la condizione di tante donne ridotte in schiavitù.

Noi abbiamo fatto la proposto e per le vicende di queste ragazze che vengono portate in Italia con la promessa di un posto di lavoro e poi vengono di fatto schiavizzate dai loro aguzzino, quando questi vengono presi non devono essere denunciati per sfruttamento alla prostituzione, ma per riduzione in schiavitù che è tutt’altro reato» ha dichiarato Giorgia Meloni.

informareonline-giorgia-meloni-1

«Abbiamo avanzato questa proposta perché tutti parlano di solidarietà ma nessuno si preoccupa di che fine fanno questi immigrati clandestini che poi arrivano in Italia.

In molti casi vengono schiavizzati come avviene per le donne. Quindi esercito, maggiori forze di polizia e carabinieri e la possibilità per il comune in deroga di assumere polizia municipale a tempo indeterminato, e qui va fatta una norma speciale.

Il tema del controllo non è il solo, c’è il tema del turismo dove abbiamo chiesto il dimezzamento dei costi dei canoni di concessione demaniale. Abbiamo chiesto 10 milioni di euro da investire in questo territorio per lo sviluppo del distretto turistico/alberghiero e vogliamo la presenza della direzione investigativa antimafia sul territorio, insomma abbiamo fatto un pacchetto di iniziative sperando che le elezioni comunali vadano bene.

È importante costruire sul territorio una filiera che ci aiuta a capire cosa succede… Riuscire a sistemare Castel Volturno per noi è un simbolo. Riuscire a dare speranza a questo territorio vuol dire che l’italia non è spacciata. Se riusciremo ad avere qui con Fratelli D’italia il sindaco Petrella si può fare un bel lavoro ed è una bella opportunità per noi. Voglio venirci in vacanza…»

di Vincenzo Lo Cascio

Print Friendly, PDF & Email