“Sulla carta è tutto pronto, la partenza della stagione 2020 di Formula 1 è sempre più vicina.”

Come ogni anno, nel pre-campionato i motori si possono considerare già accesi: piloti e meccanici tornano dalle ferie; nelle scuderie si respira aria di nuova competitività.

Il calendario dei Gran Premi 2020 di Formula 1 presenta grandi novità rispetto al precedente anno, presentandosi come il più lungo della storia, con ben 22 gare (il record massimo è stato di 21, come nel 2019). A compensare l’uscita clamorosa del Gp della Germania che nell’ultimo anno ha regalato forti emozioni e continui colpi di scena, troviamo il Gp dei Paesi Bassi che fa il suo storico ritorno, con l’ultima corsa svoltasi nel 1985; in aggiunta ad esso un circuito del tutto inedito, il Gp del Vietnam. La stagione 2020 avrà inizio ufficialmente il 15 marzo con il Gp d’Australia, finirà poi, il 29 novembre ad Abu Dhabi.

Il Gran Premio d’Italia, storicamente corso a Monza, chiamato anche “Tempio della Velocità” per la forte presenza di rettilinei ed un numero di curve davvero inferiore alla media, è ancora in attesa di ufficializzazione, ma dovrebbe essere solo una formalità. Dubbi anche sul Gp della Cina per ragioni di sicurezza, nonostante l’ufficializzazione, a seguito del recente “Coronavirus”.  

Manca circa ancora un mese alla riaccensione del semaforo di partenza, ma sicuramente gli appassionati non avranno da annoiarsi in questi giorni; i 10 Team nel corso di questa settimana, con un calendario stabilito, sveleranno le proprie nuove monoposto che gareggeranno nell’edizione di quest’anno.

Inoltre, per tutti i tifosi Ferrari, sarà possibile seguire la presentazione della nuova monoposto, oggi in diretta alle 18:30 dal “Teatro Valli” di Reggio Emilia, sul sito ufficiale Ferrari.

Giocano d’anticipo Mercedes e Haas, che svelano in anteprima solo le livree delle loro nuove vetture, un assaggio che stuzzicherà sicuramente tifosi e non.

La livrea di Mercedes sulla sua nuova “AMG F1” di quest’anno, non rivoluziona di certo lo stile inconfondibile degli ultimi anni, che ha sempre visto in prima linea il caratteristico grigio, con particolari in verde chiaro.

Un ritorno al vecchio stile visto già nel 2018 per la nuova Haas, che sceglie di verniciare la monoposto in bianco e nero con particolari rossi; un cambio visibilmente notevole dallo scorso anno, preferendo colori nettamente più accesi del nero e dell’oro a cui aveva abituato.

L’emozione e la tensione sono veramente alti, c’è tanta attesa per quello che con giudizio unanime sarà un campionato che offrirà molto, sia dal punto di vista competitivo, sia di quello d’intrattenimento.

Quest’anno la griglia di partenza potrebbe regalare veramente tante sorprese, fra azzardi di giovani e prodezze di veterani. I tre maggiori Team contribuiranno ad infiammare ulteriormente la competizione, con la Ferrari che blinda Charles Leclerc con un contratto a scadenza nel 2025, la Red Bull che si assicura ancora per qualche campionato la presenza di Max Verstappen, e la Mercedes, determinata a vincere anche nel 2020, con la monoposto presidiata dal campione del mondo in carica Lewis Hamilton.

di Andrea Passero

Print Friendly, PDF & Email