Pubblicità

Al primo giorno ufficiale di vacanze per la serie regina dei motori, come di sovente a seguito della tappa ungherese, iniziano ad arrivare le prime ufficialità circa sostituzioni, possibili nuovi approdi e scadenze di contratti nel paddock di Formula 1. Con gli appassionati ancora impegnati a digerire l’annunciato addio ai motori di Sebastian Vettel, e dunque la fine di un’era, l’Aston Martin ha ben deciso di rendere pubblica l’ufficialità di Fernando Alonso come post-Vettel.

Alonso in Aston Martin: “Nessuno oggi vuole vincere più di loro”

Il due volte iridato non occuperà più dunque il sedile dell’Alpine lasciando, probabilmente, finalmente spazio al prodigioso Oscar Piastri, vincitore dello scorso campionato di Formula 2. Fernando Alonso si troverà ad affiancare quindi il giovane Lance Stroll in quella che, ad oggi, è una lenta e disastrosa Aston Martin. Ma il numero 14 dell’Alpine ha comunque commentato così la firma di un contratto pluriennale: “Nessuno in Formula 1 oggi sta dimostrando una visione più ampia e un impegno assoluto per vincere, e questo rende il mio contratto un’opportunità davvero eccitante. Nessuno oggi vuole vincere più di loro. Ho ancora la fame e l’ambizione di lottare per essere al fronte, e voglio far parte di un’organizzazione che si impegna a imparare, svilupparsi e avere successo. Ho visto come la squadra ha attratto sistematicamente grandi persone con pedigree vincenti e sono diventato consapevole di questo enorme impegno e desiderio di vincere.”

Pubblicità

Insomma, la sviolinata a papà Stroll e i suoi non è di certo mancata, ma a dirci se sarà stata una scelta giusta o pessima saranno solo le piste il prossimo anno. Intanto Alonso si prepara alla nuova avventura che lo vedrà gareggiare per la sesta scuderia in carriera dopo Minardi, Renault, McLaren, Ferrari e Alpine.

Le dichiarazioni di Lawrence Stroll

Non sono mancate le dichiarazioni del patron dell’Aston Martin, Lawrence Stroll, il quale ha sostituito un ex Campione del Mondo con un pilota dello stesso calibro. “Conosco e ammiro Fernando da molti anni ed è sempre stato chiaro che è un vincente come me. Ho deciso di riunire le persone migliori e sviluppare le giuste risorse e organizzazione per avere successo in questo sport altamente competitivo, e quei piani stanno prendendo forma a Silverstone. Ci è sembrato naturale quindi invitare Fernando a far parte dello sviluppo di una squadra vincente”.

Le scuderie che avranno bisogno di nuovi o vecchi piloti

I sedili disponibili delle monoposto più ambite del mondo, non si fermano però all’Alpine che, come preannunciato, dovrebbe dar spazio a Piastri. Bisognerà trovare un altro compagno di squadra per Valtteri Bottas, visto il contratto in scadenza di Guanyu Zhou. Così come per Pierre Gasly, in estrema difficoltà alla guida di una scadente AlphaTauri, che potrebbe non esser più affiancato da Tsunoda. Ancora per Magnussen, vista la probabile partenza dato il contratto in scadenza del giovane Mick Schumacher. Infine la Williams che avrà entrambi i sedili disponibili e che, a quanto si vocifera, avrebbe puntato Piastri e potrebbe trovare un accordo – alquanto improbabile – con la scuderia francese.

Pubblicità