Forcella

“Forcella in musica”, stasera l’iniziativa nella chiesa di San Giorgio Maggiore

Redazione Informare 21/01/2023
Updated 2023/01/21 at 3:12 PM
2 Minuti per la lettura

Sarà il concerto “Benvenuto anno nuovo!”, proposto dall’Orchestra Discantus, ad inaugurare questa sera alle 20.30, la rassegna “Forcella in musica”, ambientata nella Chiesa monumentale di San Giorgio Maggiore di Napoli (via Duomo 237).

Sul palco, pardon, sull’altare, per l’occasione, il soprano Martina Sannino e il tenore Stefano Sorrentino, diretti dal Maestro Luigi Grima – che firma anche la rassegna -, pronti ad incantare con l’Ensemble il pubblico presente, snocciolando brani senza tempo. Da “Era de maggio” a “Te voglio bene assaje”, passando per “Reginella” e “Munasterio ‘e Santa Chiara”, fino a “La donna è mobile”, “Lucevan le stelle” e “Libiam nei lieti calici”. Un mix accattivante ed estremamente vario, che vedrà protagoniste le più celebri canzoni napoletane d’autore, alcune tra le più famose arie d’opera e non solo.

Cinque, in totale, gli appuntamenti di “Forcella in musica”, in programma nella chiesa di San Giorgio Maggiore, guidata da Padre Carmelo Raco – tutti ad ingresso libero e gratuito –, realizzati in sinergia con l’Arcidiocesi di Napoli, il Comune di Napoli, attraverso l’assessorato al Turismo, e l’Associazione Discantus. Dopo il 21 gennaio, la rassegna proseguirà sabato 11 febbraio (ore 19.30) con “Musiche dal mondo” col duo Colbran, formato da Alba Brundo all’arpa e dal soprano Giulia Lepore; mentre il 18 marzo (ore 19.30) sarà la volta di Raffaello Converso, in concerto con Franco Ponzo alla chitarra. Il primo aprile (ore 19.30), invece, è in calendario “Crux Fidelis” con il coro Vocalia diretto da Luigi Grima; chiuderà la rassegna il 6 maggio (19.30), “Jazz vagabondo” con Valentina Ranalli (voce) e Carlo Lomanto alla chitarra.  

Un primo passo, per la storica chiesa partenopea, che si avvia a diventare un presidio costante di cultura e socialità. L’ingresso è libero e gratuito per tutti.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *