Foja: “‘O treno che va” diventa doppio vinile

Foja - 'O treno che va

’O treno che va è il titolo del loro ultimo album. Loro sono i Foja, gruppo rock napoletano nato nel 2006. La formazione attuale è composta da Dario Sansone (voce e chitarra), Ennio Frongillo (chitarra elettrica), Giuliano Falcone (basso elettrico) e Giovanni Schiattarella (batteria). Dal 15 dicembre l’ultimo album è diventato doppio vinile in tiratura limitata, arricchendosi di due inediti: Curaggio e ‘E fronne, brano strumentale composto e registrato per l’occasione. La presentazione ufficiale è avvenuta venerdì 22 dicembre,  a Napoli.

La pubblicazione del doppio vinile è stata anticipata dall’uscita del lyric video di Curaggio, per la regia di Francesco Filippini: nel videoclip, realizzato in stop-motion, le parole vengono fuori dai quaderni del frontman Dario Sansone (che è anche uno dei registi del film d’animazione Gatta Cenerentola). Sono immagini che attraverso un viaggio onirico prendono vita rappresentando, così, l’anima della canzone. I Foja presenteranno il doppio vinile in altre quattro città. Nello specifico, stasera saranno ad Ischia;  il 28 dicembre a Salerno, il 29 dicembre a Santa Maria a Vico (CE) ed, infine, il 4 gennaio ad Avellino.

E nunn’o sapive che l’uocchie / parlano comme a ‘nu specchio / ca sí dulore se sente, e sente cchiú forte / si nun jesce fore nun passa // E quanta gente nun vede / nasconne l’anema a ll’uocchie / pecchè nun tene curaggio / l’hanno arrubbato ‘o curaggio / pecchè nun tene curaggio / se so’ vennute ‘o curaggio //

Da Curaggio

Di seguito, il link al lyric video del brano:

di Teresa Lanna

 

 

About Teresa Lanna

Laureata in "Lingue e Letterature Straniere" nel 2004, nel 2010 ha conseguito la Laurea Magistrale in "Arte Teatro e Cinema" presso l'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale". Tra le sue più grandi passioni, l'Arte, la Fotografia, il Cinema, la Letteratura, la Musica e la Poesia. Grande sostenitrice dell'Art.3 della Costituzione Italiana, è da sempre allergica ad ogni tipo di ingiustizia sociale. In vetta alla classifica delle città che ama di più ci sono Napoli e Firenze.