Festival delle Arti per la libertà d’espressione

informareonline-festival-delle-arti-per-la-liberta-despressione

Organizzato dallo staff creativo della squadra pastafariana dedicata nella campagna Dioscotto, che si inscrive nella campagna internazionale End Blasphemy Laws, il Festival è curato e diretto da Emanuela Marmo, la quale ha riunito artisti, autori ed esponenti della cultura laica: «Denunciare i poteri finanziari delle chiese o il loro sostegno a dittature e organizzazioni paramilitari è blasfemo? Contestare la consuetudine delle spose bambine o l’obbligo del velo è ingiusto? Smascherare gli stereotipi di genere o di ruolo costruiti dalle tradizioni è illegittimo? Dittature, abuso di minori, discriminazione sessuale: tutto questo non è molto più pericoloso della bestemmia?» L’applicazione di una legge che dovrebbe tutelare un non meglio identificato “sentimento religioso” è altamente soggettiva, completamente arbitraria. Ci sono Paesi in cui anche il canto di una donna può essere ritenuto blasfemo. Una realtà che non può essere oggetto di satira nè criticata diventa intoccabile.

Il Festival gode del supporto di diverse organizzazioni. L’Assessorato alla Cultura di Napoli, in forma di patrocinio morale, ha concesso gli spazi. L’evento, tuttavia, non beneficia di contributi finanziari, pertanto è avviata una raccolta di fondi che sosterrà le spese di allestimento, produzione e ospitalità. I ricavi della bigliettazione, invece, saranno devoluti in sostegno legale per le vittime delle leggi anti-blasfemia.

Mostre: Abel Azcona, Caluri e Pagani, Ceffon, DoubleWhy, Franzaroli, Hogre, Illustre Feccia, Malt, Pierz, Spelling mistakes cost lives, Yele Maria.

Ospiti, eventi e live: oltre a Daniele Fabbri, Luca Iavarone ed Helena Velena ci saranno: Giuseppe De Chiara, Davide DDL, Amleto De Silva, Gaspare Di Stefano, Alessandro Gioia, Giuseppe Sciarra, Simona Forte. Rana Ahmed, Raffaele Minieri, Maryam Namazie, Adele Orioli, Cinzia Sciuto, invece, sono alcuni degli esponenti del mondo laico che prenderanno parola durante i talk show, raffrontando esperienze e casi.

Le partnership: Atheist Refugee Relief, Council of Ex-Muslims of Britain, Ex-Musulmani d’Italia, Iniziativa laica, MicroMega, One Law for All, Uaar.

di Redazione Informare

Print Friendly, PDF & Email