“Fare Ambiente” per i giovani: «lavorare al SUD si può»

Gaetano Di Bello, Tommaso Morlando e Pier Luigi Drappello

Fare Ambiente” è un Movimento Ecologista europeo, nato dall’iniziativa di un gruppo di docenti universitari, esperti di politiche ambientali, che hanno deciso di unirsi per contrastare una metodologia anacronistica per tutelare l’ambiente e l’ecosistema. Già 20mila sono gli iscritti in questo Movimento associazionistico ambientalista, segno di un importante inizio di responsabilizzazione di massa.

Lo scorso mese abbiamo incontrato Gaetano Di Bello, presidente nazionale di “Fare Ambiente Giovani”, che ci ha spiegato le proprie proposte per contrastare la crisi in Terra di Lavoro.

In tal senso è stata realizzata di recente un’iniziativa dal titolo “Giovani e imprenditorialità” in collaborazione con l’Università Luigi Vanvitelli, con il Dipartimento di Economia di Capua, con Il Consiglio regionale della Campania e con la Provincia di Caserta.

L’idea è quella di partire da investimenti in attività imprenditoriali verdi e innovative, sfruttando soprattutto i terreni sottratti alla criminalità organizzata e ridare così diritti, dignità e reddito a chi per decenni ha dovuto inchinarsi all’egemonia malavitosa.

Nel progetto, realizzato nella due giorni di incontri, gli studenti si sono interfacciati con accademici e imprenditori che hanno creduto nell’economia green, visitando aziende casertane di diversi settori, oltre a dibattiti con alte cariche istituzionali.

Gaetano Di Bello, inoltre, riflette sulla precaria situazione dei giovani meridionali: «è paradossale che nelle nostre Terre, la prima occupazione non ha niente a che fare con gli studi svolti. È chiaro che bisogna riallineare il percorso di studi con la domanda delle imprese – e conclude – infine cerchiamo di informare i giovani che delle opportunità ci sono, non solo al Nord o all’estero, ma anche a casa nostra. Sappiamo bene che tanto dipende dalla Politica e non vogliamo enunciare la formula magica, ma siamo certi che con una programmazione seria che sostenga i nostri valori, tanto può essere fatto».

Per quanto difficile sia, Fare Ambiente prova a combattere la disoccupazione in questo modo, facendo capire che il lavoro può esistere anche qui, a patto che in questa Terra ci si creda e soprattutto ci si investa davvero.

di Fulvio Mele

Tratto da Informare n° 181 Maggio 2018

 

About fulvio mele

Fulvio Mele ventiduenne, giornalista pubblicista da marzo 2016 e vicedirettore di Informare. Diplomatosi al Liceo Scientifico "R. Caccioppoli" di Napoli. Laureando in Sociologia (scienze sociali) presso la Facoltà della Federico II di Napoli. "Credo che per essere giornalista bisogna essere curioso e andare oltre le cose; credo che la notizia non si crea ma la si racconta aprendola dall'interno; credo che un vero giornalista scrive di emozioni e di storie, soprattutto dà voce a chi voce non ne ha; credo che essere giornalista sia uno stile di vita"